/ Sport

Sport | domenica 11 febbraio 2018, 20:30

Basket C Gold, la proverbiale grinta di Milano3 fa il solletico a Vigevano: 48-85

Nell’ultima sfida di alta classifica della regular season, Vigevano dimostra ancora una volta di essere di un’altra categoria e demolisce a domicilio la combattiva Milano3

Una partita che tutti vedevano come l’ultimo possibile ostacolo prima della fine della regular season, che Vigevano ha però saputo ricondurre alla normalità del dominio fin qui dimostrato in campionato: Milano3, da anni la squadra delle sorprese (soprattutto in casa), non ha saputo minimamente arginare lo strapotere gialloblù, soccombendo per 48-85. Per i ducali è la 22esima vittoria in altrettante partite.

L’inizio non faceva presagire un epilogo di queste proporzioni. Il primo quarto si gioca sul filo dell’equilibrio: ritmi alti e difese attente, anche se comincia a stagliarsi la stella di Benzoni (chiuderà con 20 punti e il 66% dal campo) a mettere Vigevano sempre avanti di quei 2-4 punti che Milano3 non riesce a ricucire. Lo strappo arriva con l’ingresso di Pavone (secondo miglior marcatore gialloblù con 18 punti) che propizia il +6 con il quale Vigevano comincia seriamente a scappar via. Iacono con una tripla firma l’ultima reazione di Milano3, prima che Pilotti segni nell’ultimo minuto del primo quarto i 5 punti che portano al 18-27 della prima sirena.

I primi due minuti del secondo quarto disegnano la sfida: gioco da tre punti con canestro e fallo di Ferri per il 20-30, poi Milano3 infila in rapida successione una palla persa e un contropiede sbagliato da Arioli. Pilotti infila il +12 che porta coach Pugliese al time out dopo 2 minuti e 12 secondi. I padroni di casa, però, tornano in campo con le idee ancora più confuse: in attacco Vigevano continua a dare palla sotto canestro, e ogni volta sono due punti o, alla peggio, due tiri liberi. Milano3, pur con fatica, riesce anche a trovare dei discreti tiri, ma la serata è da basse percentuali (addirittura 33% dal campo). Probabilmente impauriti dai lunghi ducali, i giocatori di Milano3 però insistono nel tiro dall’arco raccogliendo pochissimo (solo 7 punti segnati nel secondo quarto). I rimbalzi sono tutti di Vigevano, che spesso punisce con canestri veloci in transizione. A quattro minuti e mezzo dall’intervallo, proprio una tripla in transizione di Benzoni a cui segue un canestro di Pavone portano la ForEnergy sul +20. Milano3 a quel punto si arrende, arrivando a dilatare il distacco fino al 25-49 con cui le squadre vanno al riposo.

Le squadre rientrano in campo piuttosto fredde, fino a quando un paio di magie di Verri si trasformano in altrettanti assist a Pavone. Vigevano tiene i ritmi bassi, ma di fatto non concede nulla. È lo stesso Verri a firmare a un minuto dalla fine del terzo quarto la tripla del +29 (37-66). Piazza decide di tenere comunque alta la tensione, e fa entrare i giovani Bassi e Bottacin soltanto nell’ultimo quarto. Milano3 non si rianima, il solo Giocondo riesce a sistemare un po’ le pessime percentuali di squadra trovando qualche tripla, ma ormai il tabellone lo si guarda soltanto per decretare il risultato finale: 48-85 per i ducali, che a ogni uscita sembrano essere sempre più forti.

La regular season si chiuderà con due partite contro squadre invischiate nella lotta per non retrocedere, e che quindi non porteranno in dote punti spendibili nella seconda fase: domenica al PalaBasletta arriverà Erba, poi il 24 febbraio la trasferta di Gallarate. Oltre a rincorrere il record di imbattibilità assoluta, Vigevano sfrutterà probabilmente i due incontri per testare situazioni tattiche poi spendibili più in là nella stagione.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore