/ Cerco lavoro

Cerco lavoro | lunedì 12 febbraio 2018, 13:13

I mestieri che nessuno vuole fare

Come riscoprire, in tempo di crisi, le professioni dimenticate

Nonostante la crisi economica e il tasso di disoccupazione del nostro paese esistono numerose aree occupazionali in cui la domanda di personale supera l’offerta. Si tratta di vere e proprie opportunità professionali che nessuno intende cogliere,  posti di lavoro che nessuno sembra voler occupare. Una recente ricerca sull’occupazione ha stilato una classifica dei lavori “trascurati” e delle professioni per cui sembra non esserci alcun candidato.

Tra i mestieri ad alto profilo professionale risultano difficili da reperire farmacisti, sviluppatori di software, infermieri, progettisti meccanici e metalmeccanici.

Tra le professioni intermedie, le figure maggiormente ricercate sono gli addetti alla reception e gli operatori di mensa.  

Tra gli operai specializzati, spicca la carenza di carpentieri. tornitori e autisti di pullman.

Alla carenze ormai “cronica” di idraulici, parrucchieri, estetisti, pasticceri e fornai si aggiunge la mancanza di falegnami, pavimentatori ed installatori di infissi.

Nonostante per queste attività ad alta competenza tecnica il posto di lavoro sarebbe assicurato, nessuno orienta la propria formazione ed ambizione professionale in tale direzione.

Spesso si preferisce provare ad orientare i propri sforzi alla ricerca di professioni che potrebbero offrire carriere brillanti e remunerazioni molto alte e, in attesa di avere l’occasione della vita, ci si dedica spesso a lavori altrettanto faticosi, spesso meno retribuiti e abbastanza generici da poter essere svolti senza una specifica competenza personale.

Comprendere il proprio territorio ed  orientare la propria formazione e la propria ricerca di occupazione verso quelle arti e mestieri che anche nella nostra Provincia nessuno sembra più voler svolgere ci potrebbe permettere di avere in un tempo minore un ruolo professionale riconosciuto e ben pagato. Una scelta coraggiosa che potrebbe consentirci di cercare occupazione in un mercato privo di concorrenza.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore