/ Eventi

Eventi | sabato 14 aprile 2018, 12:55

Mea gens, il Ticino - di Giuseppe Casarini

Il Ticino, fiume generoso, che per anni, nei tempi passati , dalle sue acque, dai suoi boschi e sottoboschi offrì ad umili e laboriose genti umile ma dignitosa fonte di sostentamento: attività e lavori ormai persi nella notte dei tempi. Questi pochi e poveri versi vogliono ricordare alcune di queste forme di vita e di queste vite ormai caduti da tempo nell’oblio alcuni protagonisti

Mea gens : Il Ticino

Mughettose, festanti e ridenti le sponde del Ticino,

querce secolari e castagni d’odorosi boschi:

mazzolini fioriti e cesti di porcini  dal profumo intenso

a Milano offriva un tempo  Modestino 

a Porta Ticinese e Lodovica e in Piazza Duomo.

Un tempo l’azzurr’onda sfiorava con fruscio i bianchi

sassi e arsi, cotti dal sole Giovanni e i suoi fratelli

lunghi forconi  agitavan svelti nell’acqua dai barcè

e i levigati ciottoli,  frammenti di grezzi massi

nel fiume a monte rotolati e poi rotti e spezzati

da salti e lavorio dell’acque e trascinati

per  tempi e per stagioni sconosciute,

l’affannosa e sobbalzante corsa  qui finivan

fermati, imprigionati da rebbi rugginosi;

poi da fatica aggiunta e a forza aggiunti

a guisa di bianchi  su un ampio slargo monticelli

portati infine  in  fornaci ardenti e vetrerie

davano pane a Giovanni e ai  sassaioli  

tramite  forma e vita di  familiari oggetti.

vita dura e faticosa con dignità vissuta.

Soli nel lavoro e nella vita al Goss e Margarota,

“salvadag”  li chiamavano certuni

che, per  il dimesso aspetto e i poveri vestiti,

miseri stracci più volte rattoppati,

si diceva e si credeva avessero  malie

 Così costretti da questa  odiosa diceria

a percorrer solitari solitarie vie la vita tutta

giorno per giorno fuor che nell’Inverno

dall’alba fino a sera tarda e senza sosta

curvi e piegati lungo i cigli di rami

secondari del Ticino  tagliavan di netto

con l’acqua sino alle ginocchia, ah povere ossa,

teneri giunchi e ne facevan solide fascine.

Per poche lire  un certo Giovanö prendeva le fascine:

mani esperte rapide le sue  e veloci ed ecco cesti,

cestini,  fiaschi impagliati e  damigiane

di vesti intrecciate rivestite e belle,

centri, centrini, sporte e sottovasi:

parte all’industria, parte alle osterie,

il resto infine lo vendeva  Ghita la moglie

col suo banchetto di sabato al mercato.

 

Giuseppe Gianpaolo Casarini

Articolo in collaborazione con www.ticinonotizie.it

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore