/ Cronache del passato

In Breve

venerdì 12 ottobre
sabato 06 ottobre
venerdì 28 settembre
venerdì 21 settembre
venerdì 14 settembre
Mede - la storia
(h. 12:04)
venerdì 07 settembre
venerdì 03 agosto
venerdì 27 luglio
venerdì 20 luglio

Cronache del passato | venerdì 18 maggio 2018, 09:51

Garlasco - Il Castello -

Tratto da storiedilomellina.altervista.org

Garlasco -  Il Castello -

Poco conosciuto è il Castello di Garlasco… Forse meglio dire ex castello, visto che di esso è rimasto ben poco.
Ma è giusto che venga ricordato, ed è per questo che ho deciso di parlarne, e scrivere un paio di curiosità che non sono sempre citate.
Edificato su alcuni resti di un fortificato precedente, venne eretto attorno al XIV – XV secolo, utilizzando lo stile “Lombardo Visconteo” ossia a pianta quadrata, con torri sui quattro lati e un cortile centrale; All'esterno dell'edificio, sorgeva quasi sicuramente un fossato.
In poco tempo si rivelò uno dei centri fortificati più importanti della Lomellina, in quanto era sorto in una posizione strategica.
Ma ben presto, questo primato, venne messo subito a tacere… E' noto infatti, che alcune invasioni e attacchi alla fortezza, misero in crisi l'intero edificato.
Nel marzo del 1524, un devastante attacco da parte di Francesco Maria della Rovere, assistito da Giovanni de Medici (Giovanni dalle bande nere), fece crollare completamente il castello! I condottieri non solo lo espugnarono, ma lo rasero al suolo, proprio per non permettere la ricostruzione; Solo una parte di esso rimase in piedi: una torre. Qui si vuole che un frate, spaventato, invocò l'aiuto di Dio, chiedendo che quella torre fosse risparmiata, per salvare alcuni civili al suo interno… A quanto pare funzionò!
Passarono gli anni, e il fortificato venne ricostruito, anche se non assunse mai più le sembianze iniziali. Oggi, del Castello rimane solo il “torrione”, quello già citato in precedenza…
Ed ecco che la storia di una fortezza, incontra una leggenda… che tutt'oggi è visibile… come a ricordare che li un tempo vi era qualcosa di unico… oramai dimenticato...

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore