/ Attualità

Attualità | mercoledì 13 giugno 2018, 15:12

Oggi su ‘Il Foglio’: ‘Chi è Massimo Garavaglia, il pupillo di Giorgetti pronto per il MEF’

Lungo ritratto dell'ex primo cittadino di Marcallo con Casone, che adesso è di casa in Via XX Settembre

Oggi su ‘Il Foglio’: ‘Chi è Massimo Garavaglia, il pupillo di Giorgetti pronto per il MEF’

La nomina di Massimo Garavaglia a Vice Ministro dell’Economia,trova ampio spazio sui social dove ci si interroga sulle ricadute (positive) che questa scelta potrà avere l’est Ticino, così come sulla stampa nazionale. A questo proposito, segnaliamo un lungo e interessante articolo pubblicato stamani dal quotidiano ‘Il Foglio’ dal titolo ‘Chi è M.Garavaglia, il pupillo di Giorgetti pronto per il MEF’ a firma del collega Valerio Valentini.

Un ritratto di Garavaglia dagli esordi come sindaco di Marcallo con Casone, sino alle esperienze parlamentari, dalla prima del 2006, quindi,  due anni dopo, quando diventa il senatore più giovane della storia della Repubblica. Sino agli ultimi trascorsi: la rielezione nel 2013 a Palazzo Madama, salvo poi per ‘spirito di servizio’ entrare nella Giunta di Palazzo Lombardia guidata da Roberto Maroni con l’incarico di Assessore all’Economia, Crescita e Semplificazione.  Nel pezzo viene anche tracciata la storia dell’amicizia, nata ai tempi dell’università, con Giancarlo Giorgetti uomo forte del Carroccio.

Di quando Garavaglia nel novembre del 2011, è vice presidente della Commissione Bilancio in Senato e riceve la visita dei commissari della Troika, un paio di giorni prima della caduta del governo Berlusconi. Un aneddoto per la verità che ‘Sgara‘ ha raccontato più volte anche nelle sue uscite sul territorio. ‘Loro già sapevano che sarebbe arrivato Mario Monti, e ci minacciarono che, se lui non avesse ottenuto la fiducia, loro non avrebbero comprato i titoli, mandandoci in default’. 

Tra le righe si evidenzia il suo approccio sempre pragmatico che gli sarebbe valso la fiducia del Ministro  Giovanni Tria. ‘Massimo, del resto, è un amministratore, mica un filosofo…’.  Quello stesso approccio che  ora dovrà usare per trovare una quadra con i 5 Stelle rispetto al ‘redditto di cittadinanza‘ che per il neo Vice Ministro – parole sue – sarebbe più un ‘reddito di sudditanza‘…

F.V.

Articolo in collaborazione con www.ticinonotizie.it

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore