/ Attualità

Attualità | mercoledì 11 luglio 2018, 21:43

Garlasco, recuperati gli alloggi sociali di Casa Serafini

Inaugurati gli alloggi sociali ristrutturati all’ex orfanotrofio Serafini di piazza San Rocco. Saranno destinati all’ospitalità temporanea di persone in difficoltà e messi a disposizione delle esigenze dei comuni confinanti

Garlasco, recuperati gli alloggi sociali di Casa Serafini

Sono tornati a disposizione, ristrutturati e riarredati, i cinque appartamenti dell’ex orfanotrofio Serafini di Garlasco, un complesso in pieno centro che negli scorsi anni era stato destinato a ospitare persone in difficoltà. Lo stabile ha dovuto subire interventi di ristrutturazione, a cominciare dal rifacimento del tetto, e un’importante opera di sanificazione. Il tutto è stato reso possibile grazie a un contributo ottenuto, tramite l’Ats, da Regione Lombardia, con il comune che ha messo i soldi per coprire la parte rimanente dei soldi.

La volontà dell’amministrazione comunale è stata quella di inserire Casa Serafini tra i servizi del piano di zona, allargando la possibilità di fruizione quindi non soltanto a Garlasco ma anche a diversi altri comuni lomellini. Nei cinque appartamenti ristrutturati e arredati con mobili in buona parte donati dai cittadini garlaschesi saranno ospitati per periodi temporanei persone fragili, come ragazze madri e padri separati.

Abbiamo fatto un bel gioco di squadra – ha detto il sindaco di Garlasco Pietro Francesco Farina – e non posso che ringraziare sia Regione Lombardia e Ats per il contributo, ma soprattutto i dirigenti comunali che hanno portato avanti la pratica e non si sono tirati indietro occupandosi in prima persona persino delle pulizie per fare in modo che gli alloggi venissero pronti il più presto possibile”.

Regione Lombardia ha contribuito per l’80% al finanziamento dell’opera”, ha dichiarato l’assessore regionale alla Famiglia Silvia Piani: “I soldi però non sono tutto, e per questo faccio i complimenti all’amministrazione comunale che si è adoperata perché questo complesso venisse recuperato in tempi rapidi”.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore