/ Sport

Sport | domenica 04 novembre 2018, 21:07

Basket Serie B, seconda vittoria consecutiva per Vigevano: Piombino si arrende 67-63

Al termine di una partita intensa, Vigevano non manca l’appuntamento con la vittoria casalinga. Decisivo un break in apertura di secondo tempo che rompe un equilibrio rimasto perfetto per 37 minuti su 40

Basket Serie B, seconda vittoria consecutiva per Vigevano: Piombino si arrende 67-63

L’occasione delle due partite consecutive in casa era ghiotta, e Vigevano non se l’è lasciata sfuggire: dopo i due supplementari contro la Sangiorgese, ci sono voluti ora 40 minuti di grande intensità per battere Piombino, venuta al PalaBasletta con l’ambizione di portare a casa i due punti. La vittoria è invece andata ai ducali, che guardano alla prossima trasferta di Varese in una posizione di classifica decisamente interessante.

La partita si apre con una giocata no look di Verri a servire Petrosino, ma sul ribaltamento di fronte Vigevano concede subito due rimbalzi offensivi a Piombino (“In questo fondamentale abbiamo fatto male”, rimarcherà Piazza a fine partita). Ancora Petrosino dalla media rompe l’equilibrio, ristabilito con un canestro fotocopia da Persico. Piombino cerca di far muovere la difesa vigevanese, la Elachem cerca le entrate con Verri e Vecerina. Si segna poco. Ferri lasciato da solo nell’angolo mette la prima tripla della partita, è il 15-12. Birindelli con due liberi prova ad allungare il parziale, ma Fratto fa cinque punti di fila e pareggia 17-17 al termine del primo quarto.

Nel secondo Fratto e Birindelli danno vita a un bel duello, vinto spesso dal numero 10 toscano. “Non avrei dovuto giocare a causa di una lussazione al mignolo che mi ha fatto saltare l’intera settimana di allenamenti”, dirà Birindelli: “Non sono uno che si tira indietro, sono sceso in campo, però istintivamente stavo un po’ lontano dai contatti”. Piazza conferma: “Eravamo d’accordo che lo avrei chiamato in causa solo in caso di estrema necessità, purtroppo Petrosino e De Gregori hanno avuto subito problemi di falli”. La partita è punto a punto, con poco gioco di squadra e diverse iniziative personali. La differenza la fanno i liberi, dove Piombino è più precisa. Al 28’ è 28-30. Piazza decide di giocare più perimetrale, mettendo in campo insieme Panzini e Minoli; viene subito premiato da una tripla di quest’ultimo. Uno slalom di Iardella sulla sirena fissa il 35-35 dell’intervallo lungo. “Il nostro rammarico è non essere riusciti a mettere la testa avanti nel primo tempo, il pareggio al 20’ ci va stretto”, dirà coach Andreazza.

Nei primi due minuti del terzo quarto il break decisivo per Vigevano: Verri fa 1/2 ai liberi, Panzini si inventa un canestro dalla media, ancora Verri castiga da tre in transizione. Altri due punti di Benzoni decretano il parziale di 8-0. Piombino si innervosisce, Persico la tiene a galla ma dopo aver segnato il canestro del -7 commette il quarto fallo e viene richiamato in panchina. Al 16’ Vecerina va fino in fondo in un’azione dove Vigevano non era riuscita a costruire nulla: è 48-39, Andreazza chiama time out capendo il momento. Iardella sfida l’intera difesa ducale e la batte; gli ospiti provano a rifarsi sotto approfittando anche di un momento di stallo dell’attacco gialloblù. Ci pensa Verri offrendo un assist al bacio a Petrosino a ristabilire le distanze (21 assist di squadra per la Elachem). Iardella, però, continua a tagliare la difesa ducale come fosse burro, e al 28’ è 50-46. Fratto, lasciato solo dalla media, segna il -2. Una tripla di Ferri riporta Vigevano avanti di cinque all’ultimo intervallo.

Bassi mette il +7. Fratto non riesce a replicare, Minoli infila il +9. È Procacci a chiudere il parziale battendo Birindelli. Fratto (migliore in campo con 26 punti e 15 rimbalzi) prende un rimbalzo in mezzo a tre giocatori avversari, segna e subisce fallo; sbaglia però il libero: 58-52 al 33’. Piombino risale, ultimi minuti di bagarre con le difese che costringono a tiri forzatissimi che sbattono sul primo ferro. Episodio decisivo a 1’41” dal termine: Birindelli ruba palla in maniera rocambolesca e si invola in contropiede per il 62-56. Vigevano vede lo striscione del traguardo: Piombino perde palla su una rimessa, dall’altra parte Birindelli forza il tiro e lo mette. La tripla di Iardella (ultimo ad arrendersi, 21 punti per lui) è un fuoco di paglia, perché Minoli serve Petrosino che al volo segna il canestro del 67-59 53” dalla fine. Piombino riesce a segnare ancora, ma sull’ultima sirena il tabellone dice 67-63 per Vigevano.

Coach Piazza elogia il gruppo: “Abbiamo ruotato tutti e dieci i giocatori, distribuendo bene gli attacchi. Il risultato è quattro giocatori con 10 punti segnati e uno con 9. Sono soddisfatto per la partita a livello difensivo, dobbiamo migliorare nei rimbalzi. L’infortunio occorso in settimana a Birindelli ci ha condizionato, dato che era lui a dover marcare Fratto, il giocatore più pericoloso di Piombino”. Alessandro Ferri fa notare come Vigevano abbia subito messo fuori partita Mazzantini: “Per loro è un giocatore importante, lo abbiamo caricato velocemente di falli e non ha potuto rendere. In fase difensiva, nella parte iniziale della partita siamo stati troppo attenti a curare i tiratori invece di difendere il ferro, poi ci siamo adeguati”.

L’allenatore di Piombino Marco Andreazza fa i complimenti al pubblico vigevanese e alla società, prima di analizzare il match: “Abbiamo fatto bene, sfruttando il difetto della Elachem che in questa fase della stagione non riesce ad ammazzare le partite. Quando Vigevano ha fatto il break abbiamo tenuto mentalmente, la squadra è in crescita”. Alessio Iardella ha qualche rimpianto: “È stato difficile cambiare l’inerzia della partita, abbiamo comunque giocato fino alla fine perché puntiamo entrambi ai play-off, avere rosicchiato qualche punto negli ultimi secondi potrebbe risultare utile in termini di differenza canestri”.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore