/ Cronaca

Cronaca | giovedì 08 novembre 2018, 15:56

Vigevano: trovato con 40 grammi di hashish e un allacciamento abusivo di energia elettrica, arrestato un 19 tunisino

L'operazione è stata eseguita questa mattina (giovedì) dal nucleo operativo e cinofili della polizia locale. Il malvivente sarà processato per direttissima e verrà chiesto il nulla osta per l'espulsione

Vigevano: trovato con 40 grammi di hashish e un allacciamento abusivo di energia elettrica, arrestato un 19 tunisino

Il personale del nucleo operativo e cinofili della polizia locale di Vigevano hanno perquisito un 19 enne tunisino, residente in strada San Marco.

La perquisizione è stata effettuata con l’ausilio del cane antidroga Canto, quest’ultimo ha segnalato la presenza di sostanze stupefacenti. All’interno degli slip è stato rinvenuto un pacchetto di sigarette contenente 13 stecche di hashish per un peso complessivo di 40 grammi circa. Inoltre il cane antidroga ha rilevato anche la presenza di stupefacente all’interno dell’alloggio di un contatore. All’interno è stato rinvenuto un involucro di plastica contenente cocaina per un peso lordo di 1,2 grammi.

La perquisizione è stata effettuata in quanto nei primi mesi di quest’anno, il malvivente era stato notato dagli agenti del nucleo operativo in borghese mentre cedeva hashish a un ragazzo in stazione. Pertanto il 19 enne era stato avvicinato per essere fermato dagli agenti, ma quest’ultimo aveva fatto perdere le proprie tracce. Nella fuga aveva smarrito il telefono cellulare, attraverso il quale gli agenti sono riusciti ad identificarlo oltre che il ragazzo tunisino anche alcuni clienti del pusher. Questi ultimi sono stati convocati e hanno confermato di aver acquistato in tempi diversi hashish dal tunisino. Le indagini sono proseguite e gli agenti sono riusciti a sapere che il malvivente aveva individuato come luogo di spaccio un bar nei pressi della stazione.

Pertanto gli agenti hanno effettuato alcuni appostamenti e a fine ottobre sono riusciti a sorprenderlo mentre cedeva 3 involucri di cellophane per un peso di circa 2 grammi. Anche in questa circostanza, gli agenti hanno bloccato un cliente che risultava essere un albanese di 40 anni pluripregiudicato, ma il tunisino è riuscito a far perdere di nuovo le sue tracce. Fino ad oggi (giovedì) quando gli agenti del nucleo operativo e cinofili riuscivano a scoprire il luogo dove viveva il tunisino ovvero un abitazione in strada San Marco.

In data odierna, gli agenti si sono recati in strada San Marco,  nell'appartamento occupato abusivamente dal malvivente. Dopo aver bussato, gli operanti hanno notato dalla finestra del soggiorno che il tunisino si stava dando alla fuga nel tentativo di scappare dalla finestra del bagno posteriore, dove in ogni caso erano appostati altri agenti. Pertanto, non avendo modo di scappare, si è arreso e veniva bloccato. All'interno dell'abitazione, gli operanti accertavano che il 19 enne si era allacciato abusivamente alla corrente elettrica.

In particolare, è stato riscontrato che il furto di energia elettrica stava avvenendo nel momento in cui gli agenti facevano accesso nell'abitazione, in quanto è stata trovata la luce del soggiorno accesa e un termosifone elettrico anch'esso in funzione. A quel punto il 19 enne tunisino è stato arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e furto aggravato in flagranza di energia elettrica.

A seguito di successivi accertamenti veniva rilevato che a carico dell’arrestato risulta un provvedimento di espulsione da eseguire. Per questo motivo la polizia locale chiederà il nulla osta all’espulsione in modo da poter avviare la relativa procedura. Il malvivente passerà la notte presso la camera di sicurezza del comando di polizia locale e domani verrà processato per direttissima.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore