/ Sport

Sport | domenica 18 novembre 2018, 21:22

Basket Serie B: Vigevano domina, Alba si deve arrendere

Larga vittoria al PalaBasletta per la Elachem che fugge via nel secondo quarto a un’Alba che non riesce a reagire alle difficoltà imposte dall’attacco gialloblù. Vigevano adesso è al quarto posto in classifica

Basket Serie B: Vigevano domina, Alba si deve arrendere

Prestazione davvero convincente per la Elachem che archivia senza difficoltà la pratica Alba. I piemontesi in questo inizio di stagione si erano resi protagonisti di importanti blitz in trasferta, ma stavolta non hanno potuto nulla contro l’attacco gialloblù.

Piazza deve rinunciare a De Gregori per un problema alla caviglia, Birindelli parte in quintetto al posto di Petrosino. La scelta paga, perché l’argentino è subito pericoloso. Alba risponde con una buona presenza a rimbalzo offensivo, che permette numerose segnature da seconda occasione. La partita perde velocemente due protagonisti, perché sia Birindelli che Danna si caricano di falli e vengono richiamati in panchina: “Una situazione dalla quale, a conti fatti, Vigevano è riuscita a cogliere il meglio”, dirà Piazza a fine partita. La Elachem, infatti, trova un Petrosino eccezionale (14 punti, 5/6 da due), che entra in campo propiziando immediatamente due recuperi. Al 5’ Panzini prova a dare la scossa segnando da casa sua il canestro dell’11-8. Risponde Pollone con un gioco potenziale da tre punti, fallendo però il tiro libero. In questa fase si tira con percentuali bassissime, nonostante sia Vigevano che Alba riescano a prendere buoni tiri. Nel finale del quarto il break ducale, con Verri, Petrosino e Ferri che firmano l’8-0 che porta al primo mini-intervallo sul 20-14.

Coltro dimenticato libero dall’arco riduce lo svantaggio. Vigevano è più pericolosa ed efficace in attacco. Dell’Agnello non riesce a tenere Petrosino (“Puntavamo a mettere in difficoltà Dell’Agnello in difesa per condizionarlo nella fase offensiva”, ammetterà Piazza). Al 13’ la difesa piemontese collassa sul lungo ducale, che scarica su Ferri per la tripla del +11 (32-21). È lo stesso Dell’Agnello a tenere a galla i suoi (miglior marcatore della partita con 20 punti insieme a Benzoni), approfittando anche del fatto che i cambi difensivi lo portano spesso a sfidare in uno contro uno avversari più bassi di lui. Quando esce per rifiatare, il canestro per Alba diventa una vetta difficile da scalare. Vigevano può così controllare e allungare, anche grazie alle gite in lunetta garantite dal rapido raggiungimento del bonus da parte degli ospiti. Alba prova ad aumentare l’intensità difensiva, Vigevano si aggrappa a Benzoni che fa bene a spallate segnando il 43-29 al 17’ con un gioco da tre punti. Sempre Benzoni, stavolta con una tripla, porta i suoi al massimo vantaggio sul 48-33, poi aggiustato sul 50-33 dell’intervallo lungo con due liberi da Panzini.

Nel terzo quarto ritorna in campo Danna, anche se il suo ingresso non incide sulle sorti del match. Un antisportivo di Dell’Agnello su Birindelli lanciato a canestro costa caro ad Alba, che finisce a -21 per via dell’1/2 ai liberi del numero 20 ducale a cui segue una tripla centrale di Benzoni con il possesso aggiuntivo. Danna cerca iniziative in attacco aprendo spazi per i compagni, ma Vigevano continua a tenere il punto in attacco dove Birindelli e Vecerina fanno vedere i sorci verdi ad Antonietti e Terenzi. Due canestri consecutivi di Pollone riaccendono la fiammella per gli ospiti, che rimangono però a -18 al 25’. Antonietti ricuce ulteriormente con una tripla, poi è Petrosino a ripristinare le distanze. Al 18’ Dell’Agnello commette sfondamento su Minoli: è il suo quarto fallo, per Alba diventa davvero dura. All’ultimo intervallo si arriva sul 70-51.

Pollone (18 punti, 4/4 da due) non si arrende e apre il quarto quarto con una tripla in transizione. Dall’altra parte continua però il dominio dei lunghi gialloblù. Verri da tre segna il +21 sul 75-54, Antonietti si innervosisce e prende un tecnico chiedendo un fallo dopo una buona difesa di Bassi. È l’annuncio dei titoli di coda. Alba mette la zona, Vigevano la patisce un po’, ma sul finale trova le triple che riportano al +18 finale (89-72).

Molto soddisfatto coach Piazza: “In difesa ci eravamo preparati su Danna e Dell’Aniello. Danna ha giocato poco per i ben noti problemi di falli, su Dell’Aniello abbiamo tenuto. Petrosino ha giocato la sua migliore partita fino a qui in questa stagione. Siamo contenti, perché è la prima volta che vinciamo dominando. Abbiamo tenuto anche una buona differenza canestri, che in un campionato così equilibrato potrebbe tornare utile”.

Siamo riusciti ad aprire bene gli spazi, trovando ottime percentuali al tiro”, commenta Daniele Benzoni: “Nei momenti decisivi ho cercato di farmi trovare pronto”. “Dobbiamo ripetere questa bella prestazione anche nelle partite fuori casa”, sottolinea Petrosino: “Se giochiamo con questa velocità, nessuna squadra può starci dietro”.

Una sconfitta da imputare prevalentemente alla difesa per coach Luca Jacomuzzi: “Noi siamo una squadra da 70 punti, non possiamo farne fare quasi 90 agli avversari. Vigevano è stata devastante sui pick and roll. L’uscita di Danna per problemi di falli ci ha condizionati, nel secondo tempo non ci credevamo più. Dobbiamo migliorare a livello di squadra, perché quando escono Danna e Dell’Aniello non abbiamo alcun equilibrio”. Laconico il commento di Dell’Aniello: “In difesa non abbiamo fatto funzionare niente. Forse abbiamo patito l’ambiente, il pubblico. Del resto siamo una squadra giovane. Se guardiamo le statistiche, non c’è un aspetto in cui non abbiamo sofferto”.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore