/ Economia

Economia | 29 gennaio 2019, 19:54

Vittuone, crisi ABB: Fabrizio Cecchetti ‘interroga’ Luigi Di Maio

Vittuone, crisi ABB: Fabrizio Cecchetti ‘interroga’ Luigi Di Maio

Tutelare livelli occupazionali, professionalità e competenze dei lavoratori di Abb Italia a Vittuone ; convocare un tavolo con le parti interessate, le istituzioni e le rappresentanze sindacali dei lavoratori al fine di valutare l’impatto sociale delle decisioni aziendali sui lavoratori e sulle loro famiglie“. Così il deputato Fabrizio Cecchetti, vicecapogruppo vicario della Lega alla Camera, in un’interrogazione al Ministro del Lavoro, Luigi Di Maio.   

Una decisione che – sottolinea Cecchetti – mette a rischio ben 123 posti di lavoro, 65 operai e 58 impiegati, impiegati nella sede di Vittuone. Più di 700 gli operai che avranno una riduzione dello stipendio fra i 2mila e i 2.500 euro l’anno. Sono numeri preoccupanti, perché dietro cifre e dati ci sono innanzitutto le persone, tanti padri e madri di famiglia che non possono essere lasciati in mezzo ad una strada o pensare di poter prendere la valigia e trasferirsi in paesi così lontani. La riorganizzazione aziendale comporterà infatti il trasferimento di alcune produzioni in Finlandia e in India. E’ prevista la dismissione della produzione di generatori di trazione (WGX), lo spostamento della produzione dei motori a prova di esplosione (AMD alettati) nello stabilimento di Helsinki, mentre un’altra tipologia di motore (i motori Spling Ring) uscirà dalla produzione per essere sostituita, a breve, da un nuovo prodotto sviluppato e realizzato da Abb in India. La tensione tra i lavoratori dello stabilimento è tanto alta quanto sotto gli occhi di tutti, visto che perdura oramai da mesi. Nell’ultimo anno e mezzo sarebbero oltre cento i lavoratori fuoriusciti dall’Abb di Vittuone. Negli ultimi mesi sono stati proclamati scioperi e manifestazioni di preoccupazione. Peraltro, non dimentichiamoci che l’annuncio di Abb Italia arriva al termine di un piano che, dal 2016 a oggi, ha già portato al taglio di 150 posti di lavoro. Per tutte queste ragioni ho chiesto al Governo di intervenire e adottare tutte le iniziative di propria competenza“.

Articolo in collaborazione con www.ticinonotizie.it

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore