/ Cronache del passato

Cronache del passato | 01 febbraio 2019, 13:34

NICORVO - LEGGENDE - La leggenda di Irma e le streghe -

tratto da storiedilomellina.altervista.org

NICORVO - LEGGENDE - La leggenda di Irma e le streghe -

Vuole una leggenda, che al centro di Nicorvo, un tempo, vi fosse un gran cascinale; Al centro di esso, spiccava verso il cielo, un grande albero di noce; Si dice, che tutti i sabati di luna piena, attorno a questo albero, si riunissero alcune donne, riconosciute come streghe! Esse, dopo aver danzato e invocato il malvagio, accendevano delle lanterne, e salite su alcuni cavalli, iniziavano a correre nelle campagne che circondavano il paese… Era estate, e la stagione della monda del riso era in pieno svolgimento; vuole sempre la leggenda, che le presunte streghe, non ritrovarono alcuni dei cavalli che usavano durante la notte per correre nella periferia e così in preda alla rabbia, incolparono una giovane ragazza, giunta fino a Nicorvo proprio per lavorare: il suo nome era Irma. La povera giovane, capì da subito che qualcosa non quadrava… infatti durante le giornate di lavoro, di tanto in tanto palle di fango e sanguisughe cadevano dal cielo, proprio su di lei. Disperata la fanciulla decise di rivolgersi al parroco del paese; Il prete, disse che vi era solo un modo per far svanire questa sorta di maleficio… Innanzitutto, venne benedetta con acqua santa e un pizzico di sale in testa, e poi, la ragazza, si tagliò i lunghi capelli biondi che portava. Allo scoccare della mezzanotte, il prete e la giovane, bruciarono i capelli, assieme ad altri oggetti riconducibili ai malefici fatti dalle streghe, e accompagnati da varie preghiere, infuriò un violento temporale, che annunciava la fine dell'incantesimo malvagio. Si dice inoltre, che lo stesso parroco, la stessa sera ordinò ad alcuni agricoltori, di tagliare l'albero di noce, utilizzato dalle megere, per invocare il Demonio; Fu così che da quel giorno, Nicorvo fu liberata definitivamente dalle streghe e dalle varie carestie che colpirono successivamente altri paesi della Lomellina…

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore