/ Eventi

Eventi | 11 marzo 2019, 10:43

Breme: grande successo per la mostra mercato, giunta quest’anno all’edizione numero 42

Oltre 100 espositori, presenti anche i rappresentati del palio della ciaramella di mede, il parlamentare Marco Maggioni e tanti sindaci dell’Ecomuseo del paesaggio della Lomellina

Breme: grande successo per la mostra mercato, giunta quest’anno all’edizione numero 42

Grande successo presso l’antico borgo del comune di Breme, piccolo ma vivacissimo comune della bassa Lomellina per la 42esima mostra dell’Artigianato, Commercio e Agricoltura. La kermesse, che da anni ottiene sempre un grande successo, è svolta nella giornata di ieri, domenica 8 marzo, dalle 9,45 alle 18, a Breme, nei locali della millenaria Abbazia benedettina.

La manifestazione è organizzata dall’amministrazione comunale del centro bremese capitanata dal sindaco Franco Berzero. Presente tra gli altri il parlamentare della Lega di Valle Lomellina Marco Maggiorni. “Oltre 100 espositori, provenienti da tutto il Nord Italia hanno aderito all’iniziativa – sottolinea il capo della giunta bremese -  portando importanti novità sia a livello qualitativo che a livello artistico, alcuni artigiani proporranno i loro prodotti realizzati direttamente il giorno della mostra”. Tra le novità di quest’anno anche la presenza di una nutrita delegazione del Palio dlä Ciarämèla di Mede, guidata dal sindaco Giorgio Guardamagna e dai rappresentanti dei rioni che nella prima settimana di settembre si contendono il prestigioso trofeo ideato nel 1982 da Giuseppe Amisani.

Presente a Breme, grazie anche ad una bellissima giornata di sole, molti sindaci dei paesi vicini e che per la maggior parte sono componenti attivi dell’Ecomuseo del Paesaggio lomellino che ha sede a Ferrera presso i locali dello storico palazzo strada. A Breme intanto continuano le visite presso la millenaria pieve dove i monaci i monaci della Novalesa giunsero in questa terra allora paludosa nel 906 dopo Crisri come riportato da un’antica Cronaca, “videro che quel luogo era ubertoso, ameno e fruttifero”, lo elessero a sede della Congregazione, ritenendolo “la migliore di tutte le città costruite nel Contado di Lomellina”.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore