/ Sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Sport | 05 maggio 2019, 20:00

Basket serie B: Elachem Vigevano da batticuore, Padova si arrende all'ultimo tiro

In una gara 3 dalle emozioni forti, i gialloblu conquistano la vitoria per 72-71, trascinati da un Benzoni monumentale autore della tripla decisiva a 42 secondi dalla fine

Benzoni in tripudio con la curva gialloblu foto Laura Marmonti

Benzoni in tripudio con la curva gialloblu foto Laura Marmonti

Non poteva più essere al cardiopalmo di così il passaggio del turno per la Elachem Vigevano che ha superato la Virtus Padova per 72-71, al termine di una "bella" che è vissuta su un iniziale dominio dei gialloblu per tutto il primo tempo, ma che ha visto i veneti non mollare mai ad inizio ripresa, non solo ma addirittura a girare l'inerzia dell'incontro dopo i liberi realizzati da Ferrari a un minuto dalla sirena conclusiva. Benzoni, dopo il time-out chiesto da coach Piazza, ha fatto letteralmente esplodere il PalaBasletta con una tripla da otto metri che ha consegnato di fatto la vittoria alla Elachem, sancita definitivamente dall'errore al tiro sull'ultimo possesso gestito da De Nicolao che ha preso il ferro, lasciando con il fiato sospeso il popolo gialloblu. Ora per Vigevano si prospetta un'altra elettrizzante sfida in semifinale contro la corazzata Orzinuovi (al meglio delle 5 partite a partire da domenica prossima) nella quale occorrerà alzare ulteriormente l'asticella, considerando il fattore campo nella serie favorevole ai bresciani e il tasso tecnico fin qui mostrato in stagione.

Avvio con le polveri bagnate da parte di entrambe le squadre, dopo circa un minuto e mezzo di gioco, è Petrosino a bucare la retina dei veneti per la prima volta nella serata. La sfida è in perfetto equilibrio fino all'11-11 propiziato da una tripla di De Nicolao. Poi sale in cattedra Panzini che infila tre triple consecutive nel breve volgere di un minuto e regala ai gialloblu il primo allungo sul 19-11. Prima di chiudere la prima frazione di gioco, si unisce anche Ferri a festival delle triple e il tabellone recita +11 Elachem sul 22-11. Birindelli realizza a 30 secondi dalla fine e il primo quarto va in archivio sul 24-13 per i ducali. Nel secondo periodo Vigevano alza ulteriormente i giri del motore e nonostante Bovo e Motta dal perimetro cerchino di contenere la distanza dai gialloblu, sale in cattedra capitan Benzoni che spara la tripla del 31-22. Padova commette un fallo su tiro da 3 ai danni del lungo gialloblu, che si presenta glaciale sulla linea dei liberi e porta la Elachem al massimo vantaggio sul 38-24. Ma la buona vena del quintetto di coach Piazza in questa fase non si esaurisce e Verri porta i suoi addirittura sul +18 (46-28) con un tiro dalla lunga distanza. All'intervallo lungo è 46-32 per Vigevano con un impressionante 51% dal campo.

Nel secondo tempo, Padova trascinata da Ferrari e Piazza si riporta sotto sul 46-39, ma è Panzini a tarpare le ali al primo tentativo di rimonta dei veneti con l'ennesima tripla della sua partita. Vigevano sembra controllare il ritmo dell'incontro, ma dopo una serie di liberi messi a segno da Birindelli e Verri, gli ospiti danno segni di risveglio soprattutto con Motta e De Nicolao che portano a -5 (54-49) la compagine di coach Rubini. Benzoni da due punti e i liberi messi a referto da Rossi, fanno respirare un minimo Vigevano che allunga nuovamente sul 60-52. Padova non è mai doma è la premiata ditta Motta-Filippini riapre definitivamente la contesa quando il tabellone recita 60-57 Elachem. Negli ultimi di due minuti del terzo quarto si assiste a una serie di triple sbagliate da entrambe le parti, segno evidente che la posta in palio inizia a farsi sentire e il punteggio resta immutato. E il copione non cambia nemmeno nell'ultimo periodo di gioco, le due squadre per i primi tre minuti di gioco è come se vedessero il canestro come una buca da golf e gli errori al tiro si sommano da una parte dell'altra. A rimbalzo Padova diventa dominante esattamente all'opposto del primo tempo dov'era stata Vigevano a fare la voce grossa sotto le plance. Poi però ci pensa Verri a bucare la retina per il 63-57, ma Padova risponde immediatamente con Motta e Ferrari da due e quando Motta firma con una tripla il primo sorpasso dei veneti (63-64) sul PalaBasletta scende il gelo. Panzini ridà fiato a Vigevano, ma è ancora De Nicolao a far male dalla lunga distanza ed è 65-67. Nemmeno un tecnico chiamato a Ferrari, con liberi di Panzini e possesso sembrano riaccendere i ducali, De Nicolao allunga ancora sul 66-69. La sfida è sempre più accesa negli ultimi 3 minuti, Benzoni si prende sulle spalle la squadra e riporta in parità Vigevano sul 69-69. La partita diventa una vera e propria guerra di nervi e anche gli arbitri su qualche fischio sembrano perdere il filo logico del gioco. Ferrari si ritrova così dalla lunetta dei liberi a riportare in vantaggio Padova sul 69-71. Piazza decide di parlarci su con un time-out ed al ritorno in campo il PalaBasletta assume sempre più le sembianze di un girone dantesco ed esalta capitan Benzoni, top scorer come Motta con 23 punti, che infila la tripla del sorpasso (72-71). Ma non è ancora finita Verri perde un pallone sanguinoso e Padova ha fra le mani la chance della possibile vittoria con 14 secondi da giocare, il numero 10 dei veneti però sbaglia il tiro da fuori area e sul successivo rimbalzo a canestro la sirena è già suonata, la gioia ducale può esplodere ancora una volta nella "Salonicco d'Italia".

Coach Piazza in sala stampa:"Alla fine la nostra maggiore lucidità sulle azioni decisive e un pizzico di fortuna ci ha permesso di girare la sfida a nostro favore. Padova è un'ottima squadra e sappiamo bene come nei play-off un passaggio a vuoto rischia di costare carissimo, fortunatamente non è stato così ed ora ci apprestiamo a vivere un'altra bella pagina di questa stagione contro Orzinuovi in una sfida che vale una semifinale per andare in serie A".

 

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore