/ Eventi

Eventi | 09 giugno 2019, 12:00

La magica atmosfera di Dublino nel libro di Maida Bovolenta, "Ti sento ogni notte"

Un interessante storia autobiografica ambientata nella capitale irlandese

La magica atmosfera di Dublino nel libro di Maida Bovolenta, "Ti sento ogni notte"

Descrizione


Nell’atmosfera magica di Dublino, dove la musica domina e gli antichi palazzi medioevali convivono con gli innumerevoli e coloratissimi pub, ci sono due cuori, due anime perse, che vagano tra i ciottoli in mezzo agli artisti di strada, trascinando un vuoto interiore, fatto di domande a cui non riescono a dare risposta. Il loro habitat naturale è la notte, quando le luci della città si spengono e il buio nasconde ogni imperfezione. L’inferno dantesco della routine giornaliera diventa il loro giardino zen. E il cuore, che nella desolazione rallenta il ritmo fino a non sentire più nulla, ritorna finalmente a battere. Per stupore, per commozione, per gioia, fino a quando sentire diventa la vera salvezza. È una storia d’amore? È una storia di riscatto? È semplicemente una storia.

In vendita su Amazon in formato cartaceo a 10,30€ e in formato Kindle a 2,99€

Biografia

Maida Bovolenta nasce a Mede, in provincia di Pavia, nel 1972. Sviluppa la sua passione per la scrittura negli anni successivi al nuovo millennio dove è riuscita a conquistarsi un piccolo spazio nell'etere digitale per divulgare e condividere i suoi pensieri e il suo modo di vedere la vita. I suoi studi trascendono dal campo letterario, infatti nel suo ultimo libro è presente il ruolo delle professioni sanitarie, campo in cui lei era attiva ma che indirettamente non ha mai abbandonato.

Cosa mi ha spinto a scrivere?

Dopo aver letto tanti libri, ho sentito la necessità di scrivere, di mettermi alla prova, di chiarire e divulgare ogni sensazione ed emozione, anche quelle non facili, quelle ingestibili. La scrittura è un "mezzo" per lasciare andare, per raccontare e, a volte, per raccontarsi. Così è nata la storia, in parte autobiografica, di due anime che vagano perse nella magnifica città di Dublino. Uno degli aspetti che ho voluto sottolineare è quello legato all'amicizia, vera e viscerale, presente anche quando non la vedi perché la puoi "sentire" solo attraverso l'unico mezzo che ogni essere umano deve sapere usare bene, il suo cuore.

Informazione Pubblicitaria

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore