/ Cronaca

Cronaca | 11 giugno 2019, 12:08

Robecco sul Naviglio: incendio doloso in un capannone di Cascinazza

Area posta sotto sequestro, indagini in corso

Robecco sul Naviglio: incendio doloso in un capannone di Cascinazza

Sono ancora da chiarire le cause dell’incendio che si è sviluppato nella frazione di Cascinazza a Robecco sul Naviglio. Tutto fa pensare ad un rogo di natura dolosa che ha già fatto scattare alcuni provvedimenti.  L’allarme per i vigili del fuoco è scattato verso le 17 di lunedì in via Canova di Sotto, una traversa di via fratelli Bandiera che porta a Cascinazza. E riguardava un capannone al confine con Abbiategrasso. A andare a fuoco è un bidone con scarti industriali, cartoni, metalli e oggetti vari di scarso valore. Sono giunti sul posto i pompieri che hanno domato il rogo in circa un’ora e sono rimasti sul posto per mettere l’area in sicurezza. Il tutto è ancora in fase di accertamento per quanto concerne l’esatta dinamica e le responsabilità. Sono arrivati a Cascinazza anche i Carabinieri del radiomobile di Abbiategrasso.

Di fatto il capannone interessato era in disuso e non più utilizzato da tempo. Un luogo dove ormai non si lavorava più e posizionato in un piccolo lembo di terra in mezzo alle campagne che, per pochi metri, risulta essere ancor sotto il comune robecchese. Ieri pomeriggio la Polizia locale di Robecco sul Naviglio era impegnata in una serie di controlli, delegati da Città Metropolitana, in merito al possesso delle garanzie di sicurezza delle varie industrie situate nel paese. Questo per prevenire roghi di matrice dolosa, come quelli che si sono verificati di recente nel pavese e in altre zone dell’hinterland di Milano che hanno provocato gravi danni all’ambiente. L’incendio nel capannone di via Canova di Sotto si è verificato proprio mentre la Polizia locale era impegnata nei controlli in un altro capannone poco distante.

Probabilmente in via Canova di Sotto qualcuno avrebbe dato fuoco a del materiale di scarto, ma poi non sarebbe più riuscito a contenere l’incendio ed è stato costretto a ricorrere all’intervento dei vigili del fuoco, arrivati con una squadra di volontari del distaccamento di Abbiategrasso e un altro mezzo.Alla fine tutto si è risolto senza feriti. Le indagini dei carabinieri stanno però continuando. Di fatto ieri qualcuno ha bruciato del materiale in maniera illecita. E così il capannone è stato posto sotto sequestro. Ulteriori accertamenti verranno eseguiti nei prossimi giorni.

Articolo tratto da www.ticinonotizie.it

 

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore