/ Cronaca

Cronaca | 17 giugno 2019, 16:30

Ossessionava la ex con minacce e messaggi, arrestato stalker

In manette un 49enne novarese

Ossessionava la ex con minacce e messaggi, arrestato stalker

Era arrivato a inviare alla sua vittima una serie di messaggi in sequenza simulando ogni giorno un “countdown” che preludeva a chissà quale azione violenta: al “meno tre” però gli uomini della Divisione anticrimine della Questura di Novara e la Procura della Repubblica ottenevano l’applicazione della misura cautelare in carcere e arrestavano lo stalker.

È accaduto nei giorni scorsi a Novara. Il persecutore è un italiano di 49 anni che, dopo la conclusione di una breve e superficiale relazione con una trentenne, in realtà poco più di un’amicizia, ha incominciato ad ossessionarla seguendola, telefonandole e inviandoli messaggi.

Per questi comportamenti, già nello scorso settembre nei confronti dell’uomo era stata emessa la misura dell’ammonimento emesso dal Questore, primo strumento che viene adottato nella lotta a questo tipo di reati. In realtà però l’ammonimento non produceva nessun effetto, e anzi lo stalker aumentava il livello della sua pressione psicologica sulla vittima, anche dopo la denuncia in stato di libertà per “atti persecutori”. La vittima era costretta a cambiare totalmente le proprie abitudini e perfino a trasferirsi in una nuova abitazione, la cui ubicazione veniva in pochi giorni scoperta dallo stalker.

La situazione è precipitata negli ultimi giorni con il grottesco “conto alla rovescia”: in considerazione della potenziale pericolosità del soggetto, il Gip accoglieva la richiesta di arresto formulata dalla Polizia e dal magistrato. Il procuratore della Repubblica di Novara Marilinda MIneccia e il questore Rosanna Lavezzaro hanno ribadito in una conferenza stampa: "La fondamentale importanza da parte delle vittime di farsi coraggio e di denunciare questi odiosi reati".

redazione online Novara

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore