/ Cronache del passato

In Breve

venerdì 13 settembre
venerdì 06 settembre
venerdì 26 luglio
venerdì 19 luglio
venerdì 12 luglio
venerdì 05 luglio
venerdì 28 giugno

Cronache del passato | 21 giugno 2019, 10:53

FIUME TICINO - La nave di Ludovico il Moro -

tratto da storiedilomellina.altervista.org

FIUME TICINO - La nave di Ludovico il Moro -

Vuole una leggenda, che Ludovico il Moro, signore di Milano, durante una sua scampagnata, giunse al porto di Vigevano. Qui, vide alcuni uomini costruire un' imbarcazione, e preso dallo stupore su come lavoravano bene il legno, decise che anche lui, voleva una barca tutta personale.

Commissionò quindi i migliori falegnami, perché la sua imbarcazione potesse essere la più bella che avesse mai solcato le acque del Ticino. Ma non solo doveva essere bella, doveva essere di grandi dimensioni, che ogni persona, la potesse notare già da lontano, e prepararsi ad inchinarsi al Duca. In pochi mesi, venne ormeggiata una vera e propria nave, e lo stupore sia del Moro che della popolazione era tanto… Ma si sa, che il fiume Ticino, come da, toglie… Appena salpata per raggiungere il fiume Po, l'imbarcazione si dimostrò ingovernabile, e leggenda sempre vuole, che per qualche strano caso, imboccò un ramo del fiume, dove le alghe e le radici degli alberi erano talmente fitti da far incastrare l'imbarcazione.

Fu così che Ludovico il Moro, in preda alla rabbia, decise di abbandonare la nave dove si trovava, lasciandola sommergere dagli alberi e dalla vegetazione, maledicendola e imprecando contro il fiume Ticino, che gli aveva tolto la sua imbarcazione.

C'è chi ancora oggi, crede che questa “nave Ducale” si trovi nel luogo ove il Moro l'ha abbandonata… certo è che chi vuole mettersi alla ricerca, deve ricordasi che il Porto di Vigevano era situato tra l'attuale ponte del Ticino e la lanca Ajala…La speranza è l'ultima a morire si sa… ma non sempre le leggende portano alla realtà!

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore