/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Attualità | 20 luglio 2019, 14:53

"Che fai tu, luna, in ciel?": per omaggiare la Luna basta contemplarla con una poesia

Noi scegliamo pochi versi del "Canto notturno" di Leopardi aspettando le 22.17 di stasera quando, cinquant'anni fa, Apollo 11 toccò il suolo lunare

"Che fai tu, luna, in ciel?": per omaggiare la Luna basta contemplarla con una poesia

Era il 1829. Centonovanta anni fa Leopardi scrisse il "Canto notturno di un pastore errante dell'Asia" e mai avrebbe immaginato che l'uomo potesse raggiungerla davvero quella luna "solinga, eterna peregrina, Che sì pensosa sei, tu forse intendi, Questo viver terreno, Il patir nostro, il sospirar, che sia".

Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai,
Silenziosa luna?
Sorgi la sera, e vai,
Contemplando i deserti; indi ti posi.
Ancor non sei tu paga
Di riandare i sempiterni calli?
Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga
Di mirar queste valli? [...]
 
Forse s'avess'io l'ale
Da volar su le nubi,
E noverar le stelle ad una ad una,
O come il tuono errar di giogo in giogo,
Più felice sarei, dolce mia greggia,
Più felice sarei, candida luna.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore