/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Attualità | 24 luglio 2019, 14:01

Consegnato a LAV Oltrepò Pavese il gattino utilizzato per l’accattonaggio a Pavia. Ora cerca una nuova famiglia

Consegnato a LAV Oltrepò Pavese il gattino utilizzato per l’accattonaggio a Pavia. Ora cerca una nuova famiglia

Dopo ventisei giorni, il cucciolo di gatto utilizzato per l’accattonaggio a Pavia è stato consegnato a LAV Oltrepò Pavese che da subito ne aveva chiesto l’affido.

Il 21 giugno LAV Oltrepò era intervenuta con alcuni privati cittadini, per segnalare una donna impegnata nell’esercizio dell’accattonaggio utilizzando un gattino costretto legato ad un guinzaglio corto. La pratica, vietata dal Regolamento di Tutela Animali del Comune di Pavia e dalla Legge Regionale, era ulteriormente aggravata dall’esposizione diretta al sole e senza acqua, del cucciolo che aveva soltanto poche settimane di vita, stremato dalle alte temperature.

Gli agenti della Polizia Locale, intervenuti sul posto, avevano prelevato il gattino per trasferirlo al Canile Sanitario ATS di Pavia dove veniva trattenuto per sottoporlo ad accertamenti veterinari e al monitoraggio sanitario, stante la sua tenera età.

“Purtroppo, non era chiaro quali sarebbero state le sorti del gattino – spiega LAV Oltrepò Pavesemalgrado i numerosi solleciti all’Amministrazione nei quali si richiedeva l’applicazione del Regolamento e di procedere dunque al sequestro dell’animale e al successivo affidamento del cucciolo ai volontari dell’Associazione”.

Grazie all’intervento dell’Assessore con delega al benessere animale, Roberta Marcone, che si è impegnata in prima persona per tutelare il gatto e fare in modo che non tornasse nelle mani di chi lo sfruttava, dopo 26 giorni trascorsi in gabbia di degenza, il gattino è stato definitivamente confiscato e ceduto a LAV Oltrepò che cerca ora una famiglia per lui e per i suoi due fratellini, consegnati dalla mendicante alla signora che aveva segnalato il caso, che dopo aver prestato le prime cure di cui necessitavano, li ha affidati a LAV Oltrepò per poterli riunire al piccolo più sfortunato.

“Ringraziamo l’Assessore Roberta Marcone – conclude LAV Oltrepò – e ci auguriamo che questa vicenda a lieto fine possa essere l’inizio di una proficua collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Pavia a cui riconfermiamo la nostra disponibilità”.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore