/ Economia

Economia | 21 ottobre 2019, 15:32

Regione Lombardia presenta la ‘carta dei formaggi’

Rolfi: 'Abbiamo 14 Dop su 50, produciamo il 44% del latte italiano'

Regione Lombardia presenta la ‘carta dei formaggi’

La Regione Lombardia e l’Associazione Unione Cuochi Regione Lombardia hanno presentato, nell’ambito di Forme 2019, la rassegna internazionale dedicata all’arte casearia, la “Carta dei Formaggi”, un progetto che coinvolgera’ i ristoratori con lo scopo di promuovere all’interno delle loro attivita’ un’offerta gastronomica specifica che valorizzi i prodotti caseari del territorio lombardo: una vera e propria carta dei formaggi disponibile on-line che condurra’ i clienti in un viaggio tra i sapori delle DOP lombarde con immagini e video.

PRIMATO LOMBARDO – “La Lombardia vanta 14 formaggi Dop su 50
nazionali. Produciamo il 44 per cento del latte italiano. Siamo
la regione regina in ambito caseario a livello mondiale.
Vogliamo promuovere le nostre eccellenze anche grazie ai nostri
chef, dei veri e propri ambasciatori della cucina lombarda” ha
dichiarato Fabio Rolfi, assessore all’Agricoltura, Alimentazione
e Sistemi verdi della Regione Lombardia.
“Nel mercato della ristorazione emerge la necessita’ di una nuova
forma di valorizzazione, culturale e gastronomica, dei formaggi
della nostra regione. Per questo ringrazio l’Unione cuochi
Regione Lombardia per aver avuto la sensibilita’ di credere in
questo progetto e nei prodotti del nostro territorio. Abbinare
la qualita’ dei prodotti all’innovazione tecnologica sara’ una
scelta vincente”.

IL PROGETTO – GranGusto di Lombardia, questo il nome del
progetto, promuove la diffusione fra gli chef di cucina e i
ristoratori membri dell’unione cuochi regionale (la piu’ ampia
rappresentativa dei professionisti di settore della nostra
regione) della presenza nei menu di un carrello o di una
degustazione guidata ai formaggi lombardi, dai prodotti a
marchio DOP fino ai prodotti di nicchia dei piccoli produttori.
Per supportare i clienti nella conoscenza dei formaggi che
saranno proposti in queste degustazioni, l’unione cuochi ha
predisposto una piattaforma web che propone contenuti
multimediali che possono essere visualizzati, su smartphone e
tablet, inquadrando un qr-code inserito nel menu o nella carta
delle vivande. Durante gli assaggi sara’ cosi’ possibile scoprire
le caratteristiche organolettiche, i territori di produzione e
le unicita’ del formaggio che si sta per degustare. Riconoscendo
al meglio il prodotto e potendolo cosi’ riacquistare per un
consumo domestico sempre piu’ attento a tipicita’ e qualita’.
L’obiettivo e’ raggiungere nei prossimi mesi un numero
significativo di 500 imprese di settore che aderiranno al
progetto.

Articolo tratto da www.ticinonotizie.it

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore