/ Eventi

Eventi | 29 novembre 2019, 16:06

Club Tenco, "Il Tenco ascolta" arriva a Pavia: ospiti Bocephus King e The Morsellis

Domenica 1 dicembre, alle ore 19.00 al live music Spazio Musica

Club Tenco, "Il Tenco ascolta" arriva a Pavia: ospiti Bocephus King e The Morsellis

Nuovo appuntamento per Il Tenco Ascolta, il format ideato dal Club Tenco che si sviluppa in una serie di live in giro per l’Italia, durante i quali il Club invita ad esibirsi dal vivo i cantautori ritenuti più interessanti tra le centinaia che ogni anno spediscono il proprio materiale al Club. 

Domenica 1 dicembre, alle ore 19.00, Il Tenco Ascolta arriverà a Pavia, al live music Spazio Musica.   

Ad esibirsi sul palco saranno i cantautori: Claudia Buzzetti, Giovanni Castelli, Alessandro Certolanza  Alessandro Sipolo.

Ospiti speciali della serata saranno i BOCEPHUS KING e i THE MORSELLIS.

Il Tenco Ascolta (ITA) è un’occasione per incontrare la musica di qualità di domani, da sempre compito del Club Tenco. Non è un contest, e quindi non ci sono vincitori. In qualche caso però alcuni degli artisti che partecipano a “Il Tenco ascolta” sono invitati al Premio Tenco (la Rassegna della canzone d’autore di Sanremo) o in altre iniziative del Club. Il format è nato nel 2008 con due serate a Provvidenti, in provincia di Campobasso, e si è poi via via esteso in tutta Italia. 

A condurre la serata sarà lo storico presentatore del Premio Tenco, Antonio Silva. L’Ingresso è di 5 euro. Info e prenotazione tavoli: 338 5901699.

Il Tenco Ascolta a Pavia è organizzato dal Club Tenco in collaborazione con Pomodori Music. 

GLI ARTISTI SUL PALCO

CLAUDIA BUZZETTI - Claudia Buzzetti nasce a Bergamo nell’agosto 1993. Frequenta il Coro dell’Immacolata nel ruolo di soprano fino all’età di 8 anni. Dal 2002 al 2012 segue corsi di pianoforte classico, anche nella scuola di musica CDPM di Bergamo con il maestro Peppe D’Avino, periodo durante il quale si classifica al secondo posto al concorso di pianoforte classico “Un Ricetto in musica” (Biella).

Negli anni del liceo, dal 2009 al 2012, frequenta il Coro del Lussana con il Maestro Prof. Vismara con il quale vengono studiate opere, realizzazione e tecnica del canto gregoriano.

Nel 2012 fonda il gruppo jazz “Close Quartet” composto da Peppe D’Avino (pianoforte), Matteo Milesi (batteria), Alessandro Vaccaro (basso) con il quale pubblica nel 2015 il disco “Italian Songbook”. L’album raccoglie una selezione tra alcuni brani della tradizione popolare italiana (Tenco, Paoli, Mina e altri).

Dal 2014 si interessa della storia della musica folk americana ed entra nella formazione Country “Hillbilly Heroin” con Michele Dal Lago e Angelo Bonfanti.

Negli stessi anni collabora con la band rock bergamasca “Verdena”, come corista live in Italia e in studio, registrando alcuni cori.

Nel Marzo 2015 è finalista al concorso canoro per voci jazz “Chicco Bettinardi” di Piacenza.

Dal 2016 inizia due diverse collaborazioni nella musica Country con Thomas Pagani (chitarrista jazz) e con Paolo Ercoli (dobroista e mandolinista) con il quale nasce il gruppo country “Tumbleweeds Revival” con il contrabbassista Rino Garzia.

Claudia Buzzetti partecipa a due edizioni del Townes Van Zandt Festival a Figino Serenza (Co) e ad un’edizione del Buscadero Day (Luglio 2018). Grazie a queste esperienze entra in contatto con alcuni cantautori americani con i quali nascono alcune collaborazioni.

Nel Gennaio 2017 registra cori e backing vocals con Jono Manson e Jaime Michales per un brano inserito all’interno dell’album “Townes Van Zandt – When the wind blows” prodotto tra Italia e Usa. Nel Marzo 2019 registra cori e backing vocals per alcuni brani dell’album “If you fall” di Jaime Michaels. Nell’estate 2019 Claudia si esibisce a New York. Nella stessa estate si incontra con il cantautore americano Chris Buhalis con il quale ha inizio una breve collaborazione nell’attuazione di un tour in Michigan dove i due si esibiscono in locali pubblici e house concerts.

Inoltre, nel Dicembre 2018 Claudia Buzzetti entra a far parte del coro dell’Orchestra Italiana del Cinema per la realizzazione degli spettacoli video/musicali “Harry Potter-Film concert series”. Con l’Orchestra si esibisce (nel Dicembre 2018 e nel Maggio 2019 per lo spettacolo “Titanic”) presso il Teatro Arcimboldi (MI) e presso il teatro MGM di Macau (China) durante una tournée nell’Aprile 2019 sotto la direzione del maestro Shih-Hung Young.

GIOVANNI CASTELLI – Giovanni Castelli, classe '82, è un autore, compositore e musicista potentino. Nel 2005 fonda i Verdelirio, di cui è stato voce e chitarra per 5 anni. Insieme alla band ha partecipato a numerose manifestazioni musicali in tutta Italia, riscuotendo un buon successo e promuovendo l'album “Verdelirio”. Prima di sciogliersi, la band ha pubblicato il singolo “Gelosia” per Officina Record di Nello Giudice per Area Sanremo.

Successivamente Giovanni intraprende la carriera solista pubblicando gli ep “Musa in polvere” nel 2010, “Mon amour” nel 2013, “Attimi” nel 2014 e “Bianca immagine” nel 2015.
Dopo un periodo di assenza, intervallato dall'uscita di alcuni singoli, nel 2019 Giovanni fonda insieme ad Egidio Lista (basso) e Giacomo Recalcati (batteria), la rock band milanese dei Calico, la quale ha appena ultimato le registrazioni del primo ep “Oltre”. 

ALESSANDRO CERTOLANZA - Alessandro Centolanza è un chitarrista, compositore e cantautore milanese. E’ attivo dal 2010 con diverse produzioni discografiche in qualità di chitarrista jazz e al 2018 risale la sua prima uscita come cantautore. “Il giorno, poi la notte”, esce infatti nel novembre del 2018 presso Squilibri editore e si qualifica tra i cinque finalisti della Targa Tenco come opera prima.

Si forma come autodidatta, ma soprattutto con l’esperienza sul campo grazie alle collaborazioni con musicisti di alto livello incontrati nei suoi numerosi viaggi. Dal 2010 al 2012 si inserisce nella scena musicale di New Orleans dove suona con diverse band locali con le quali si esibisce tra Stati Uniti, Europa e Sud America.

Nel 2013 sente l’esigenza di un ritorno alle radici e rientra in Italia, a Milano, dove nel 2013 inizia a scrivere le sue prime canzoni in italiano. Di lì a poco forma il gruppo Centolanza e Gli Splendidi, col quale ad oggi porta in giro il concerto-spettacolo “Il giorno, poi la notte”. 

ALESSANDRO SIPOLO - nasce in provincia di Brescia nel 1986. Nel 2013, dopo un anno sudamericano, rientra in Italia e pubblica "Eppur bisogna andare" (prodotto con Giorgio Cordini), che gli vale il premio Beppe Gentile per il miglior disco d'esordio. Nel 2015 arriva il secondo album, "Eresie", prodotto con la collaborazione artistica di Taketo Gohara e impreziosito dalla partecipazione di grandi artisti quali, tra gli altri, Ellade Bandini, "Finaz" e "Asso" Stefana. Con la canzone "Cresceremo anche noi" Sipolo è tra i 4 finalisti di Musicultura 2017 esibitisi in prima serata su Rai 1.

Con il brano "Le mani sulla città" è tra i 100 artisti scelti da Musica Contro le Mafie per il libro multimediale "Change your step". Nel gennaio 2019 esce il terzo album, "Un altro equilibrio": un giro del mondo alla ricerca di meraviglie marginali ed equilibri fragili. Ritmi ossessivi si alternano a ballate eteree ed enigmatiche, tracciando un percorso ricco di riferimenti letterari e filosofici, senza perdere la voglia di far sorridere e ballare. 

SPECIAL GUEST

BOCEPHUS KING – Bocephus King, all’anagrafe James Perry, è una delle più grandi promesse della musica rock canadese. Arriva da Vancouver e più precisamente da Tsawwassen, una piccola cittadina sull’Oceano Pacifico dal fiero nome indiano. Poco più a sud dello stesso promontorio si trova la cittadina di Point Roberts, contesa nel corso degli anni tra Stati Uniti e Canada, ora territorio americano anche se confinante per 3/4 con acque canadesi e per 1/4 con Tsawwassen. Ed è proprio in questo surreale paese di pescatori che Bocephus King spesso si rifugia a scrivere canzoni. Pochi minuti per varcare il confine e arrivare in un luogo in lotta con la propria identità dove gli abitanti sono cresciuti ascoltando John Prine e gli ACDC. Forti contrasti che si riflettono nella musica e soprattutto nella personalità di James Perry che ha dovuto per necessità costruire un personaggio capace di contenere tutte queste sfaccettature. Bocephus King sembra uscito dal mondo del vaudeville, un Humphrey Bogart o un Robert Mitchum senza tempo che incontrano al bancone di un diner Tom Waits, Nina Simone e il drugo del grande Lebowsky (si racconta che il buon Jamie se ne andasse al cinema in accappatoio dopo essersi tuffato nelle onde gelide dell'Oceano Pacifico). Bocephus King ha all’attivo 5 dischi: Joco Music, A small good thing, The Blue Sickness, All children Believe in Heave e Willie Dixon God Damn, due dei quali (il secondo e il terzo) pubblicati dalla New West Records, etichetta cult di Austin tra le prime ad accorgersi dello suo straordinario talento. Bocephus King si fa conoscere anche in Italia grazie a questi due dischi e il magazine Buscadero gli dedica addirittura la copertina commentando: “è la seconda volta che mettiamo un artista sconosciuto in copertina. La volta scorsa era toccato a Tracy Chapman”. Bocephus King arriva in tour in Italia infiammando ogni tipo di palcoscenico dove si trova a suonare, da solo in acustico o con la sua band, The Rigalattos. Dal vivo è una miscela esplosiva capace di spaziare tra sonorità blues, gospel, gipsy e country, rileggendo un intero secolo di musica americana. Ci sono echi di Woody Guthrie, Dylan, Springsteen, Waits ma anche Prince, Townes Van Zandt e tanto, tanto Cinema da Fellini a Quentin Tarantino passando per l’estro dei fratelli Coen. In Italia incontra il giovane cantautore Andrea Parodi di cui produce i suoi primi due dischi (Le Piscine di Fecchio e Soldati). Bocephus King torna in Italia e nel Mediterraneo per gettare le basi del suo prossimo disco che come sempre sarà soprattutto un grande viaggio, ricco di contaminazioni. 

THE MORSELLIS - La “voce tonante” di Alberto Morselli, primo seppur ex cantante dei Modena City Ramblers, ritorna sul palco con una nuova band: The Morsellis, il cui nome gioca sul titolo dei “Sopranos”, famiglia TV con regole ferree ma tutt’altro che osservanti dell’ordine costituito.

La band è formata da Alberto Morselli alla voce, Gianfranco Fornaciari: Piano e Hammond (Ligabue, ClanDestino, Mina); Filippo Chieli: Viola-Violino (MCR, Andy White, Cormac, Desperanto, Lassociazione); Gianni Campovecchi: chitarre folk (The Youngs, K-Butler & the Judas); Lele Borghi: Batteria (Mamamicarburo, Andy White, Beatiful Big Fat Mess, Guru Rockin 1000); Mauro Buratti: Basso (Il Nucleo)

Nel 2019 esce l’album “Primavera Session” dal vivo dove la band ripercorre la carriera di Alberto: dai MCR, al suo disco solista “Da un’altra parte”, cover di band “ispiratrici” e una serie di inediti scritti negli ultimi anni.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore