Attualità - 24 febbraio 2020, 19:02

Coronavirus: come cambiano le attività ambulatoriali negli ospedali del territorio provinciale

Coronavirus: come cambiano le attività ambulatoriali negli ospedali del territorio provinciale

L'ASST di Pavia, in considerazione dell'emergenza che si è verificata causa della diffusione di Covid - 19 (Coronavirus)  si comunica che, al fine di prevenire la diffusione del virus, l'attività ambulatoriale garantita dal 25 febbraio al 2 marzo p.v. è la seguente:

 

·         Cardiologia: controlli post-operatori per pace maker;

·         Dialisi: continua l’attività normale;

·         Chirurgia: medicazioni semplici e complesse, rimozione punti a seguito di intervento;

·         Ortopedia e traumatologia rimozione gesso/punti a seguito di intervento visite di controllo da PS per fratture;

·         Radiologia: prestazioni radiologiche per controllo traumi;

·         Oculistica: iniezioni intravitreali;

·         Oncologia: MAC per trasfusioni e terapia oncologica;

·         Urologia: MAC biopsie; cistoscopie, instillazioni genitourinarie, infusioni di sostanze ormonali, cambio di cateteri ureterali;

·         Chirurgia Vascolare: attività normale di ecocolordoppler, visita con medicazioni semplici e complesse;

·         Ostetricia ginecologia  diagnosi prenatale/ecografie morfologiche e ambulatori di ostetricia, ginecologia oncologica (agende speciali).

Presso i poliambualtori e presso gli ospedali sono garantite le prestazioni prenotate con priorità “U” (da erogare entro le 72 ore)  e “B”(da erogare entro 10 giorni).

TUTTE LE ALTRE ATTIVITA' AMBULATORIALI SONO TEMPORANEAMENTE SOSPESE.

Resta inteso che i responsabili degli ambulatori dovranno  attuare tutte le misure utili ad evitare elevate concentrazioni di persone nelle sale di attesa.

Si informa l'utenza che in caso di mancata comunicazione di disdetta entro i tempi previsti NON verranno applicate le sanzioni.

In analogia alla sospensione dell'attività ambulatoriale è altrettanto sospesa l'attività erogata in regime di libera professione intramuraria.

Sono infine sospese tutte le attività a bassa intensità chirurgica. 

Si invitano i parenti dei ricoverati ad accedere al letto dei pazienti solo in caso di necessità e uno alla volta.

Ti potrebbero interessare anche:

SU