Attualità - 24 febbraio 2020, 19:07

Coronavirus, il consorzio Etvilloresi fa il punto della situazione

Coronavirus,  il consorzio Etvilloresi fa il punto della situazione

Si è tenuta lunedì 24 febbraio mattina presso la sede centrale del Consorzio una riunione straordinaria del Comitato Esecutivo  –  alla presenza, oltre che del Presidente di ETVilloresi Alessandro Folli, del Vice Presidente Alessandro Ubiali e del Direttore Generale Laura Burzilleri, del RSPP-Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione, del RLS-Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e di molti referenti dei diversi settori dell’Ente – per affrontare, anche a seguito dell’Ordinanza del Ministero della Salute d’intesa con il Presidente della Regione Lombardia, la situazione di emergenza dettata dall’esplosione, nelle ultime ore in Lombardia, di numerosi casi da contagio Covid-19, il cosiddetto Coronavirus.

All’esame le misure da adottare per consentire lo svolgimento in sicurezza delle attività, da parte del personale e in considerazione dei servizi essenziali da garantire in caso di un ulteriore aggravio della situazione. Nel corso dell’incontro, a fronte dell’indicazione di rinviare le riunioni e  gli impegni  non urgenti, è stata positivamente valutato, al fine di minimizzare le possibilità di contagio, un nucleo di misure attuabili per ridurre, da parte del personale consortile, l’utilizzo dei mezzi pubblici per gli spostamenti casa-lavoro, grazie all’organizzazione di modalità di car-pooling attraverso il ricorso ad auto aziendali o anche private con un sostegno, assicurato dall’Ente, per le relative spese.

Il Consorzio ha inoltre provveduto a richiamare la necessità di un’attenta e scrupolosa osservanza delle misure igieniche indicate dal Ministero della Salute e ha dotato ciascun dipendente di mascherina e guanti monouso, da utilizzare in particolare dal personale a contatto coll’utenza e nel caso di tragitti con i mezzi pubblici.

E’ stata accolta con favore anche la possibilità, al momento al vaglio del gruppo di lavoro interno individuato per la formalizzazione do procedute ad hoc, di consentire in specifici casi – o per la provenienza purtroppo di alcuni dipendenti consortili dalle zone rosse o per lontananza dal luogo di lavoro o anche per far fronte alle esigenze familiari dovute alla chiusura delle scuole – forme provvisorie di lavoro a distanza.

La Direzione dell’Ente sta altresì considerando al momento un piano operativo di emergenza complessivo da adottare, grazie al personale reperibile, nel caso la situazione peggiorasse con un ingresso di ulteriori territori del comprensorio nella fascia di massima emergenza e vi fosse necessità di adeguarsi ad un nuovo giro di vite delle misure restrittive ad opera di Regione Lombardia.

Allo stato attuale delle cose, proseguirà sino a nuovo aggiornamento l’ordinaria attività d’ufficio sia della sede centrale che degli uffici periferici.

Si invita comunque il pubblico ad evitare il più possibile l’accesso agli uffici del Consorzio, privilegiando i contatti telefonici o via posta elettronica, ribadendo a tutti la scrupolosa osservanza dei punti ricompresi nel vademecum diffuso sia dal Ministero della Salute che da Regione Lombardia con i dieci punti raccomandati per scoraggiare la diffusione dei contagi.

Ti potrebbero interessare anche:

SU