Attualità - 04 giugno 2020, 21:53

Robbio, si lavora per il Palio dl’Urmon, ma ad oggi prevalgono le incognite

Il comitato direttivo ha scritto una lettera aperta a cittadini e commercianti per spiegare la situazione attuale

Robbio, si lavora per il Palio dl’Urmon, ma ad oggi prevalgono le incognite

Da anni lavorano a testa bassa per garantire un prodotto di qualità: il Palio dl’Urmon. Un prodotto che dal 1985 ad oggi è diventato sempre più un simbolo, un’identità paesana in cui tutti si riconoscono. La partecipazione dei residenti è infatti sempre stata massiccia, così come quella delle persone delle zone limitrofe e non solo. 

Quest’anno, però, a prevalere sono le incognite. “Vista la grave crisi sociale venutasi a creare a causa del Coronavirus - si legge nella lettera firmata dal direttivo del Palio - non siamo ancora in grado di garantire ciò che riusciremo a fare. Sicuramente faremo del nostro meglio, sperando di poter realizzare il nostro amato Palio. Vogliamo però, comunque vada, che il Palio possa continuare a vivere nelle case e nei luoghi di lavoro di tutti i robbiesi”.

Gli organizzatori stanno lavorando a ritmi serrati e intanto hanno manifestato il proprio interesse a mantenere la tradizione dello Sfuias, accompagnato dal giornalino “L’Urmon” che, in passato, è stato realizzato grazie al prezioso sostegno economico degli sponsor.


“Siamo consapevoli che quest’anno sarà difficile per tutti - si legge sempre nella lettera - e, per questo, abbiamo ritenuto inopportuno chiedere sponsorizzazioni agli esercizi commerciali e alle ditte. Ci sono però già pervenute richieste di spazi pubblicitari. Per questo motivo abbiamo stabilito di inserire le eventuali pubblicità esclusivamente se la richiesta ci giungerà direttamente dallo sponsor”.

Fabrizio Negri

Ti potrebbero interessare anche:

SU