Eventi - 27 giugno 2020, 14:30

Rimborsi beffa per i biglietti dei concerti: l’ira del Codacons

Rimborsi beffa per i biglietti dei concerti: l’ira del Codacons

Il Governo apre alla possibilità di rimborsi in denaro per i concerti annullati a causa del coronavirus.Lo si apprende da fonti stampa, confermate dall’agenzia AgCult, secondo cui la palla passerebbe ora al Parlamento che dovrà valutare gli emendamenti presentati in materia.

La soluzione proposta, tuttavia, suona più come una beffa che come una soluzione in favore degli utenti – afferma il Codacons, Associazione che rappresenta in Italia tutti gli spettatori coinvolti nel caso e che ha già avviato diverse iniziative legali contro i mancati rimborsi in denaro – l’emendamento presentato dal presidente della Commissione per le Politiche dell’Ue alla Camera, Sergio Battelli, estende infatti a 24 mesi la validità del voucher per i concerti annullati, rinnovabili per altri 12 mesi dopo i quali è prevista la possibilità di essere rimborsati. Questo significa che chi ha acquistato biglietti per eventi cancellati, potrà ottenere un rimborso solo dopo 3 anni e solo se entro tale termine lo spettacolo non sarà replicato.

“È una vera e propria presa in giro per gli utenti, che non risolve affatto l’illegittimità dei voucher – spiega il presidente di Codacons Lombardia Marco Maria Donzelli – il rimborso in denaro deve essere infatti riconosciuto indistintamente per tutti i titolari di biglietto, perché in 3 anni l’utente può cambiare idea o non essere più in condizione di partecipare ad un evento acquistato molto tempo prima”.

L’Associazione ricorda che è possibile ottenere supporto e informazioni contattando il numero 02 2940 8196, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 09 alle ore 18.

Articolo tratto dal nostro sito partner www.ticinonotizie.it

Ti potrebbero interessare anche:

SU