Cronaca - 11 settembre 2023, 16:14

Frode nel settore dei carburanti, la Guardia di Finanza di Varese sequestra 1,2 milioni

Decreto di sequestro preventivo emesso dal Gip di Busto Arsizio nei confronti di una società e del suo amministratore, indagato per il reato di dichiarazione fraudolenta tramite l’uso di fatture per operazioni inesistenti per evadere l’Iva

Frode nel settore dei carburanti, la Guardia di Finanza di Varese sequestra 1,2 milioni

Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Varese hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di beni e disponibilità finanziarie emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Busto Arsizio su richiesta della Procura bustocca al termine di un’indagine che ha interessato il collaudato sistema delle cosiddette “frodi carosello” all’imposta sul valore aggiunto.

L’indagine del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Varese, condotta trasversalmente tanto sotto il profilo amministrativo-tributario quanto quello penale, ha portato all’individuazione di un articolato meccanismo di frode nel settore del commercio degli idrocarburi (attuato mediante l’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per quasi 6 milioni di euro, da parte di società cartiere e buffer), finalizzato ad evadere l’IVA, sottraendo così all’Erario imposte dovute per oltre 1.200.000 euro.

Sulla base dei numerosi elementi raccolti dalla polizia economico finanziaria, il Gip di Busto Arsizio ha emesso il decreto di sequestro preventivo di denaro e beni per oltre 1.200.000 euro nei confronti di una società varesina e del suo amministratore, indagato per il reato di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti.

L’odierna operazione della Guardia di Finanza di Varese si inserisce nel quadro delle rinnovate linee strategiche dell’azione del Corpo, volte a rafforzare l’azione di contrasto alle condotte fraudolente con effetti distorsivi della concorrenza e di inquinamento del mercato, in un comparto nevralgico per l’economia nazionale come quello del commercio e della fornitura di idrocarburi per autotrazione.

Il procedimento penale è in fase di indagine preliminare e, per il principio di presunzione di innocenza, la colpevolezza delle persone sottoposte ad indagini in relazione alla vicenda sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

SU