Eventi - 19 settembre 2023, 18:39

Da Alessandro Barbero, premio nazionale alla carriera, a Donato Carrisi e un tocco internazionale con Jeffery Deaver: Presentato il programma completo della XXII edizione della Rassegna Letteraria della Città di Vigevano

Dall'11 ottobre al 15 ottobre

Da Alessandro Barbero, premio nazionale alla carriera, a Donato Carrisi e un tocco internazionale con Jeffery Deaver: Presentato il programma completo della  XXII edizione della Rassegna Letteraria della Città di Vigevano

È stato presentato oggi il programma completo della XXII edizione della Rassegna Letteraria della Città di VigevanoRagione e sentimento: testa o croce?”, che si terrà nella città ducale dall'11 al 15 ottobre 2023 e sarà ospitato al Teatro Cinema Odeon (via Berruti 2).

Saranno quattordici gli incontri che vedranno come protagonisti: Simonetta Agnello Hornby, Alessandro Barbero, Matteo Bussola, Mario Calabresi, Gemma Calabresi Milite, Antonio Calabrò, Donato Carrisi, Francesco Costa, Jeffery Deaver, Enrico Galiano, Sabina Guzzanti, Alessandro Milan, Rosella Postorino, Alessandra Selmi, Ilaria Tuti e Antonella Viola. Sul palco saranno accompagnati non solo da Ermanno Paccagnini e Alessandra Tedesco, rispettivamente direttore e consulente editoriale della Rassegna, ma da giornalisti e scrittori come Paolo Armelli, Marco Carminati, Marta Cervino, Luca Crovi, Alberto Rollo e Simone Spetia.

«La Rassegna 2023 vede non solo la presenza di Alessandro Barbero, con la consegna mercoledì 11 ottobre alle ore 21.00 del Premio Nazionale alla Carriera Città di Vigevano, ma anche la collaborazione con l’Associazione Wondy Sono Io e la testata giornalistica digitale de Il Post. Un ulteriore segnale di come si voglia costruire sinergie con l’eccellenza del mondo del giornalismo, dell’associazionismo e dell’editoria per garantire al nostro pubblico una rassegna in crescendo per qualità e visibilità nazionale» afferma il sindaco Andrea Ceffa.

Ma non solo «Tra le diverse novità di questa edizione c’è la collaborazione con i gruppi di lettura del territorio lombardo» continua il vicesindaco con delega alla Rassegna Letteraria Marzia Segù; «sono già una quindicina i gruppi coinvolti in modo operativo, con l’obiettivo di creare un sistema virtuoso di appassionati del mondo del libro e della lettura, degli scrittori e delle scrittrici. A partire da questi presupposti, le prossime rassegne verranno costruite anche sui consigli dei lettori, per offrire una proposta sempre più vicina all’interesse del pubblico. Sul nostro sito trovate un elenco con tutte le collaborazioni già attivate rassegnaletterariavigevano.comune.vigevano.pv.it/rassegna/gruppi-di-lettura».

Quest’anno tutti gli eventi sono ospitati al Teatro Cinema Odeon: «Ho accolto con piacere l’idea che la nostra Rassegna fosse accolta dalla platea dell’Odeon» dichiara Ermanno Paccagnini; «è una sede perfetta, non solo per la sua vocazione culturale ma anche per l’allestimento tecnico e il supporto organizzativo.  È il luogo ideale dove accogliere tutti i nostri ospiti e sono certo che piacerà anche al pubblico; ringraziamo pertanto l’Associazione ODV Barriera per la disponibilità e ospitalità, con la convinzione che questa sinergia possa essere molto interessante anche per le future rassegne».

La Rassegna di quest’anno ha tra gli obiettivi anche quello di divenire una manifestazione sempre più aperta, inclusiva e accessibile a tutte e tutti. Grazie al supporto del Rotary Club Vigevano Mortara con la presidenza di Raffaella Pollini gli eventi di Alessandro Barbero, Gemma e Mario Calabresi e Donato Carrisi saranno tradotti nella LIS - Lingua Italiana dei Segni in collaborazione con l’Associazione Guanti Rossi.

Tutti gli eventi sono gratuiti ed è possibile riservare il proprio posto su piattaforma Eventbrite.

Questo il link al profilo della Rassegna: rassegnaletterariavigevano.eventbrite.com.

Le prenotazioni si aprono domani mercoledì 20 settembre, a partire dalle ore 9.00.

PROGRAMMA 2023

Mercoledì 11 ottobre ore 21.00

ALESSANDRO BARBERO

PREMIO NAZIONALE ALLA CARRIERA CITTÀ DI VIGEVANO

Modera: Ermanno Paccagnini, direttore editoriale Rassegna Letteraria di Vigevano

Incontro con lo storico e scrittore Alessandro Barbero in occasione della consegna del Premio nazionale alla carriera Città di Vigevano 2023. Un’occasione per conoscere meglio uno dei divulgatori più amati dal pubblico che ha fatto appassionare alla Storia intere generazioni con i suoi libri e i podcast. Autore di numerosi saggi storici, ma anche di romanzi come l’ultimo Brick for stone (Sellerio) in cui immagina in una New York del 2001 un agente della Cia che ipotizza un attentato imminente. Per indagare riunisce un gruppo di persone strane e di talento, ma ognuno è all’oscuro della presenza degli altri. Fra Storia, quella con la S maiuscola, e storie, quelle create dalla sua immaginazione, un incontro per conoscere le varie sfumature di una carriera straordinaria.

*L’incontro è tradotto nella LIS - Lingua dei Segni da Nicole Vian e Martina Ricordo - Associazione Guanti Rossi grazie al sostegno del Rotary Club Vigevano Mortara.

INCONTRO CONSIGLIATO PER LE SCUOLE SECONDARIE E SUPERIORI

Alessandro Barbero, nato a Torino nel 1959, è professore ordinario all’Università del Piemonte Orientale di Vercelli. È autore di diversi romanzi storici, tra cui: Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle, gentiluomo (Premio Strega 1996). Con Sellerio ha pubblicato Federico il Grande, Il divano di Istanbul, Alabama e Poeta al comando.

 

Ermanno Paccagnini ha insegnato Letteratura Italiana Contemporanea all’Università Cattolica di Milano. Si è occupato in particolare di autori e correnti dell’Otto e del Novecento e di Manzoni sia studiandone le fonti (Vita e atti processuali della Monaca di Monza; Processo agli untori; processi secenteschi di stregoneria; le storie della peste di Ripamonti e Lampugnano), sia curando una edizione commentata delle varie redazioni della Storia della colonna infame nel Meridiano Manzoni. Coautore di una Storia del giornalismo italiano (Utet libreria). Per un quindicennio critico letterario del supplemento domenicale del Sole 24Ore, collabora ora con il Corriere della Sera.

 

***

 

Giovedì 12 ottobre ore 18.00

ALESSANDRO MILAN

STORIE DI CHI HA COMBATTUTO PER LA LIBERTÀ

Modera: Alessandra Tedesco, giornalista

Il giornalista di Radio 24 Alessandro Milan veste i panni del reporter storico e nel libro I giorni della libertà - Storie di chi ha combattuto per l'Italia (Mondadori) racconta quanto accaduto fra il '43 e il '45 in particolare a Milano: la caduta del fascismo, l'arrivo dei tedeschi, i bombardamenti, la guerra civile, la resistenza, gli scioperi nelle fabbriche. Lo fa attraverso le vite di alcune persone realmente esistite: c’è Libero Temolo, operaio comunista e partigiano; c’è suo figlio Sergio, che all’epoca era adolescente; c’è Angelo Aglieri che lavorava nella segreteria di redazione del Corriere della Sera; c’è Carmela Fiorili, figlia di un anarchico, portinaia di un casermone dove convivevano fascisti e partigiani. Uomini e donne che a volte hanno dovuto scegliere fra ragione e sentimenti, uomini e donne che in alcuni casi hanno sacrificato la vita per avere un paese libero e democratico. INCONTRO CONSIGLIATO PER LE SCUOLE SECONDARIE E SUPERIORI

Alessandro Milan è giornalista a Radio24 dove conduce il programma Uno, nessuno, 100Milan.

È presidente dell’associazione Wondy Sono Io (wondysonoio.it), impegnata nella diffusione della cultura della resilienza, che nasce in ricordo della moglie Francesca Del Rosso, detta Wondy, scomparsa per un cancro. Autore di Mi vivi dentro (DeaPlaneta, 2018) e Due milioni di baci (DeaPlaneta, 2019), con Mondadori ha pubblicato Un giorno lo dirò al mondo (2021). Ora è in libreria con I giorni della libertà (Mondadori).

Giovedì 12 ottobre ore 21.00

MATTEO BUSSOLA

LA TENEREZZA NEGLI UOMINI

Modera: Marta Cervino, giornalista

Narrare le fragilità. È quello che fa Matteo Bussola nei suoi romanzi. Dopo il grande successo di Il rosmarino non capisce linverno (fra i 10 libri più venduti in assoluto nel 2022) in cui raccontava il punto di vista di varie donne, Bussola ha scelto di raccontare la fragilità e la tenerezza degli uomini, senza schermi o paure. In Un buon posto in cui fermarsi (Einaudi) narra con sincerità e compassione diverse storie: c’è un uomo che deve confrontarsi con il figlio in neuropsichiatria, un anziano che si prende cura della moglie malata di Alzheimer, un hikikomori che si è innamorato online ma non riesce a uscire di casa. Lo scrittore che aveva esordito con Notti in bianco, baci a colazione, diventato un best seller, mette ancora una volta a fuoco le emozioni proponendo storie in cui Ragione e Sentimento sono i protagonisti.

 

INCONTRO CONSIGLIATO PER LE SCUOLE SECONDARIE E SUPERIORI

Matteo Bussola, dopo la laurea in architettura e un lavoro come progettista edile, intraprende la carriera di fumettista ed esordisce come scrittore nel 2016 con Notti in bianco, baci a colazione (Einaudi) bestseller tradotto in molti Paesi e diventato anche un film nel 2021. Pubblica sempre per Einaudi Sono puri i loro sogni (2017), L'invenzione di noi due (2020), Il tempo di tornare a casa (2021), Il rosmarino non capisce l'inverno (2022) e Un buon posto in cui fermarsi (2023).

Per Salani ha pubblicato il libro per ragazzi Viola e il Blu (2021), il suo primo libro illustrato che ha per tema gli stereotipi di genere.

Marta Cervino, è nata e cresciuta a Verona ma vive a Milano da così tanto che ormai questa città la considera casa. 

È giornalista freelance e si occupa di attualità, cultura e libri, la sua grande passione. Tiene una rubrica di consigli di lettura su Marie Claire - magazine in cui ha lavorato per parecchi anni - e continua, ostinatamente, a cercare risposte dentro le pagine.

***

Venerdì 13 ottobre ore 18.00

ENRICO GALIANO

PADRI E FIGLI

Quando si smette di essere figli? Una domanda che lo scrittore più amato dai giovani indaga nel suo ultimo romanzo Geografia di un dolore perfetto (Garzanti) la storia di un uomo, Pietro, che si porta dentro una ferita perché da piccolo era stato abbandonato dal padre. Nel frattempo è diventato professore universitario, ha una moglie e un figlio, ma quella ferita è sempre là, pronta a riaprirsi. La sua vita viene turbata nel momento in cui riceve una telefonata e deve andare a Tenerife il prima possibile. Enrico Galiano racconta così una storia di paternità, una storia ricca di emozioni, come ricchi di emozioni sono tutti i suoi romanzi. A partire dall’esordio Eppure cadiamo felici (Garzanti 2017) che ha venduto oltre 200mila copie, è diventato un long seller e ora anche una serie tv di RaiPlay in onda a ottobre 2023.

INCONTRO CONSIGLIATO PER LE SCUOLE SECONDARIE E SUPERIORI

Enrico Galiano è nella lista dei dieci insegnanti più influenti sul web secondo Il Sole 24 Ore (2020) grazie alla sua webserie Cose da prof. Esordisce con il romanzo Eppure cadiamo felici (Garzanti, 2017) con cui ha vinto il Premio internazionale Città di Como come migliore opera prima e il Premio cultura mediterranea.  I suoi romanzi raccontano le storie degli studenti adolescenti che il professore ha incontrato tra i banchi e i corridoi della scuola, “non per parlare di loro ma per parlare a loro”. Un successo tale che conquista anche il teatro con gli spettacoli Prof, posso andare in bagno? ed Eppure studiamo felici. Con Garzanti ha pubblicato anche Tutta la vita che vuoi (2018), Più forte di ogni addio (2019), Dormi stanotte sul mio cuore (2020), Felici contro il mondo (2021) e i saggi L’arte di sbagliare alla grande (2020) e Scuola di felicità per eterni ripetenti (2022).

Venerdì 13 ottobre ore 21.00

FRANCESCO COSTA

GIORNALI E MEDIA FRA ITALIA E USA

modera: Simone Spetia, giornalista

Come si leggono i giornali e che futuro hanno? Cosa si nasconde dietro un titolo sensazionalistico? Quali sono le regole che guidano il giornalismo? Che differenza c’è fra l’informazione made in Italy e quella made in Usa? Un incontro per rispondere a queste e altre domande sul mondo dell’informazione, con Francesco Costa, vicedirettore de il Post, conduttore del podcast quotidiano Morning e autore di California (Mondadori), un libro in cui si metteva a fuoco la crisi della California come modello di terra promessa. Interrogativi e spunti di riflessione sul mondo dell’informazione che sono presenti nel volume Cose spiegate bene - Voltiamo decisamente pagina prodotto da il Post e pubblicato da Iperborea.

*L’evento è in collaborazione con il Post.

INCONTRO CONSIGLIATO PER LE SCUOLE SUPERIORI

Francesco Costa è giornalista e vicedirettore de il Post, quotidiano online italiano, edito e diretto dal 2010 da Luca Sofri. Esperto di politica statunitense e più volte inviato sul campo, ha sviluppato diversi progetti, tra cui, dal 2015 al 2020, Da Costa a Costa: una newsletter e uno dei primi e più ascoltati podcast giornalistici in Italia, che analizzano la società e la politica americana.

È stato autore e volto della miniserie televisiva The American Way per DAZN.

Dal 2021 conduce il podcast giornaliero Morning: una rassegna stampa commentata che ha raccolto quattro premi agli Italian Podcast Awards. Nel 2022 ha vinto il Premiolino, uno fra i più antichi e importanti riconoscimenti giornalistici italiani. Con Mondadori ha pubblicato Questa è lAmerica (2020), Una storia americana (2021), California (2022).

Simone Spetia, giornalista, conduce 24 Mattino, il programma di informazione, analisi e commento che apre la giornata di Radio 24. E a Radio 24 ha curato e realizzato programmi dedicati al rapporto tra uomo e tecnologia (l’Era dei Robot e Fattore Umano) e alla storia (Il Gazzettino del Risorgimento). Legge voracemente tutto quello che gli capita tra le mani, soprattutto fantascienza. Ha tre figli e un cane, ama il tennis e sua moglie Anna, ma non in quest’ordine.

***

Sabato 14 ottobre ore 11.00

ALESSANDRA SELMI E ANTONIO CALABRÒ

LA FAMIGLIA CRESPI E LA CULTURA D’IMPRESA

Modera: Marco Carminati, giornalista

La nascita del primo villaggio industriale italiano, Crespi d’Adda, oggi patrimonio Unesco, viene raccontata nel romanzo Al di qua del fiume (Nord). Già a fine ‘800 accanto al cotonificio di Cristoforo Crespi sorgevano le abitazioni degli operai, la scuola, la chiesa, il cimitero, la piscina e tutte le attività necessarie. Un villaggio dove gli operai vivevano dignitosamente, un primo esempio di welfare. Il romanzo è l’occasione per un confronto

tra la scrittrice Alessandra Selmi e Antonio Calabrò, presidente di Museimpresa e direttore della Fondazione Pirelli. Un dialogo sulla cultura d’impresa in tutte le sue sfaccettature, nell’anno in cui Pavia è Capitale della Cultura d’impresa.

Alessandra Selmi è co-titolare dell'agenzia letteraria Lorem Ipsum, dove si occupa di scouting e editing, e insegna Scrittura editoriale nell’ambito dei master dell’Università Cattolica di Milano. Il suo primo romanzo, La terza (e ultima) vita di Aiace Pardon, è pubblicato da Baldini&Castoldi nel 2015, cui segue Le origini del potere. La saga di Giulio II, il papa guerriero (Editrice Nord, 2020). Per la stessa casa editrice, ad agosto 2022 esce Al di qua del fiume, da subito in testa alle classifiche, è tra i libri più venduti del 2022.

Antonio Calabrò è giornalista e scrittore, oltre che Senior Vice President Pirelli per la Cultura, direttore della Fondazione Pirelli, presidente di Museimpresa e della Fondazione Assolombarda, vicepresidente dell’Unione Industriali di Torino e presidente dell’Advisory Board UniCredit Lombardia. Insegna all’Università Cattolica di Milano. Ha lavorato a LOra, Il Mondo e la Repubblica; è stato direttore editoriale del Gruppo 24 Ore e ha diretto l’agenzia di stampa Apcom e La lettera finanziaria. Tra i suoi ultimi libri: L’avvenire della memoria, Oltre la fragilità, Limpresa riformista e La morale del tornio (pubblicati da Egea - Università Bocconi Editore) e Orgoglio industriale e I mille morti di Palermo per Mondadori.

Marco Carminati, nato a Milano nel 1961, è laureato in storia dell'arte medievale e moderna. È giornalista professionista e critico d'arte, esperto di collezionismo, ed è stato responsabile delle pagine d'arte dell'inserto culturale de Il Sole 24 Ore. Nel 2009 per Longanesi è uscito il suo libro Il David in carrozza.

Sabato 14 ottobre ore 15.00

GEMMA CALABRESI MILITE E MARIO CALABRESI

MADRE E FIGLIO, COME CERCARE LA LUCE NELLA CREPA 

Modera: Alessandro Milan, giornalista e presidente dell’Associazione Wondy Sono Io

Una madre e un figlio che si confrontano sulle conseguenze del dolore. Per la prima volta insieme su un palco Gemma Calabresi Milite, vedova del commissario Luigi Calabresi ucciso il 17 maggio 1972, e il figlio Mario Calabresi, giornalista e scrittore, dialogano pubblicamente sul dramma che ha segnato la loro famiglia e su come entrambi abbiano affrontato il dopo. Gemma Calabresi Milite ha scelto la via del perdono, narrata nel libro La crepa e la luce (Mondadori), Mario Calabresi aveva raccontato il suo percorso nel 2007 in Spingendo la notte più in là (Mondadori) e lo ha ripreso in successivi libri, come La mattina dopo(Mondadori), nel quale ha spiegato la decisione di incontrare a Parigi una delle persone condannate per quell’omicidio, Giorgio Pietrostefani. Un faccia a faccia unico che si realizza grazie all’Associazione Wondy Sono Io, nata in memoria di Francesca Del Rosso “Wondy” (giornalista e scrittrice scomparsa nel 2016 per un cancro) con l’obiettivo di diffondere la cultura della resilienza.

L’evento è in collaborazione con l’Associazione Wondy sono io.

*L’incontro è tradotto nella LIS - Lingua dei Segni da Nicole Vian e Martina Ricordo - Associazione Guanti Rossi grazie al sostegno del Rotary Club Vigevano Mortara.

Gemma Capra è nata a Torino. Nel 1969 ha sposato il commissario Luigi Calabresi, con cui ha avuto tre figli: Mario, Paolo e Luigi. Dopo l’omicidio del marito (17 maggio 1972) si è dedicata all’insegnamento della religione nella scuola elementare Pietro Micca di Milano. Nel 1981 si è risposata con l’artista Tonino Milite e ha avuto un quarto figlio, Uber.

Mario Calabresi è nato a Milano il 17 febbraio 1970. Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera come cronista parlamentare all’Ansa, è stato corrispondente dagli Stati Uniti e ha diretto La Stampa e La Repubblica. Ha scritto numerosi libri. Il primo Spingendo la notte più in là (Mondadori) racconta la storia della sua famiglia e le conseguenze del terrorismo degli Anni Settanta sulle famiglie e sulla società italiana. L’ultimo libro, pubblicato nel 2023, si intitola Sarò la tua memoria (Mondadori). Nel 2020 ha contribuito a fondare la podcast company Chora Media, che dirige.

Alessandro Milan è giornalista a Radio24 dove conduce il programma Uno, nessuno, 100Milan. È presidente dell’associazione Wondy Sono Io (wondysonoio.it), impegnata nella diffusione della cultura della resilienza, che nasce in ricordo della moglie Francesca Del Rosso, detta Wondy, scomparsa per un cancro. Autore di Mi vivi dentro (DeaPlaneta, 2018) e Due milioni di baci (DeaPlaneta, 2019), con Mondadori ha pubblicato Un giorno lo dirò al mondo (2021). Ora è in libreria con I giorni della libertà (Mondadori)

Sabato 14 ottobre ore 16.30

ROSELLA POSTORINO

SARAJEVO: IL PREZZO DELLA SALVEZZA

Modera: Ermanno Paccagnini, direttore editoriale Rassegna Letteraria di Vigevano

“Mi limitavo ad amare te" è un verso di una poesia del poeta bosniaco Izet Sarajlic ed è anche il titolo del romanzo di Rosella Postorino (Feltrinelli). L'autrice, famosa per Le assaggiatrici, prende spunto da un fatto vero: nel 1992 Sarajevo è assediata. Qui vivono in un orfanotrofio Omar, 10 anni, e Nada di 11 anni. Non sono orfani, ma i genitori li hanno lasciati in istituto perché non possono prendersi cura di loro. Insieme ad altri bambini, verranno portati in Italia grazie a una missione umanitaria dell’Onu. Sul bus incontrano Danilo che ha quasi 14 anni e che lascia in Bosnia una madre, un padre e una sorella. Un romanzo sul trauma della guerra, ma anche sul distacco, sull'abbandono, sulla lacerazione di non sentirsi più né del paese d'origine e né di quello che ospita. Un romanzo che fa riflettere sul prezzo da pagare per la salvezza fisica, e ancora sull'essere figli, madri o padri.

Rosella Postorino (Reggio Calabria, 1978) è cresciuta in provincia di Imperia, vive e lavora a Roma. Ha esordito con il racconto In una capsula, incluso nell'antologia Ragazze che dovresti conoscere (Einaudi Stile Libero, 2004). Ha pubblicato i romanzi La stanza di sopra (Neri Pozza, 2007; Feltrinelli, 2018; Premio Rapallo Carige Opera Prima), L’estate che perdemmo Dio (Einaudi Stile Libero, 2009; Premio Benedetto Croce e Premio speciale della giuria Cesare De Lollis) e Il corpo docile (Einaudi Stile Libero, 2013; Premio Penne), la pièce teatrale Tu (non) sei il tuo lavoro (in Working for Paradise, Bompiani, 2009), Il mare in salita (Laterza, 2011) ed è fra gli autori di Undici per la Liguria (Einaudi, 2015).  Con Le assaggiatrici (Feltrinelli, 2018), romanzo tradotto in oltre 30 lingue, ha vinto il Premio Campiello 2018 e diversi altri prestigiosi premi letterari, quali il Premio Rapallo, il Premio Chianti, il Premio Lucio Mastronardi Città di Vigevano, il Premio Pozzale Luigi Russo, il Premio Wondy e, per l’edizione francese del romanzo (La Goûteuse d’Hitler, ed. Albin Michel), il Prix Jean Monnet. Da Mi limitavo ad amare te (2023) - finalista al Premio Strega 2023 - verrà tratto un film, per la regia di Cristina Comencini.

Sabato 14 ottobre ore 18.00

ILARIA TUTI

TERESA BATTAGLIA E LA FRAGILITÀ

Modera: Alessandra Tedesco, giornalista

Teresa Battaglia è la commissaria creata dalla penna di Ilaria Tuti, comparsa per la prima volta nel 2018 in Fiori sopra l'inferno, da cui è stata tratta una serie tv Rai. Una donna dal carattere duro e spigoloso anche se i modi bruschi e la determinazione stanno cedendo il passo a una certa fragilità: l'alzheimer sta prendendo il sopravvento. Nel romanzo Madre d'ossa (Longanesi) Teresa Battaglia ha dovuto lasciare il suo incarico in Polizia, ma ha ancora ottime capacità investigative e soprattutto ha quella grande empatia che le permette di comprendere la mente degli altri, criminali compresi. Stavolta, però, il compito è veramente complicato: Teresa viene trovata dal suo fedele ispettore Marini sporca di sangue accanto al cadavere di un giovane. Cosa è successo? Teresa è una testimone o una colpevole? Lei non ricorda nulla e non le resta che avviare l'indagine più complessa: quella su se stessa.

Ilaria Tuti vive a Gemona del Friuli, in provincia di Udine. Ha esordito nella narrativa con Fiori sopra l’inferno (Longanesi 2018). Il secondo romanzo, Ninfa dormiente, è del 2019. Entrambi vedono come protagonisti il commissario Teresa Battaglia, uno straordinario personaggio che ha conquistato editori e lettori in tutto il mondo. Con Fiore di roccia (2020), e attraverso la voce di Agata Primus, Ilaria Tuti celebra un vero e proprio atto d’amore per le sue montagne, dando vita a una storia profonda e autentica. Nel 2021, con Luce della notte e Figlia della cenere, torna alle storie di Teresa Battaglia. Del 2021 è anche la nomina di Ninfa dormiente agli Edgar Awards e il Premio letterario Rapallo per la donna scrittrice per Fiore di roccia. È inoltre autrice del romanzo Come vento cucito alla terra (2022), ispirato alla vera storia delle prime donne chirurgo durante la Prima guerra mondiale. I suoi romanzi sono pubblicati in 27 Paesi. Da Fiori sopra l’inferno è stata tratta l’omonima serie tv con Elena Sofia Ricci, in onda su Rai 1.

Sabato 14 ottobre ore 21.00

SABINA GUZZANTI

QUANDO I NONNI DIVENTANO HACKER

Modera: Paolo Armelli, giornalista

Smartphone, tablet, cloud, piattaforme tv, intelligenza artificiale. Le persone che hanno superato una certa età arrancano e fanno fatica a stare dietro ai costanti progressi tecnologici. E così nel romanzo ANonniMus (Harper Collins) Sabina Guzzanti racconta la storia di una donna, una mezza genia nel campo informatico, che, arrivata ai cinquant’anni, ha deciso di fondare la Huf, un’associazione no profit con la missione di sostenere le persone tecnologicamente inabili. Ma gli ANonniMus, un gruppo hacker di anziani, con i loro attacchi sempre più frequenti, terrorizzano i papabili sostenitori del suo progetto. Ironia, ragione e sentimento per raccontare come le persone non più giovanissime affrontano il progresso tecnologico.

Sabina Guzzanti è nata a Roma, dove tuttora vive. Regista, sceneggiatrice e attrice, ha lavorato a molti programmi satirici televisivi tra cui “Avanzi”, “Tunnel”, “Pippo Kennedy Show”, “La posta del cuore”, e ha scritto e diretto numerosi film sia di finzione che documentari (Viva Zapatero!, Draquila, La Trattativa,  Span Time – Che fatica la democrazia), con grande successo di pubblico e critica e diffusione internazionale. Ha inoltre scritto, diretto e interpretato diversi spettacoli teatrali, tra cui il recente Le verdi colline dAfrica. Nel 2021 ha pubblicato, con una grande accoglienza, il suo primo romanzo: 2119 – La disfatta dei Sapiens (Harper Collins). Ora è in libreria con ANonniMus (Harper Collins).

Paolo Armelli è un giornalista freelance che collabora con diverse testate come Wired, Donna Moderna e Link. Si occupa di cultura, libri e serie tv. Dal 2020 è direttore del Festival Mix Milano e ha co-fondato Quid Media, una piattaforma social, podcast e newsletter su temi lgbtq+. Il suo primo libro è L’arte di essere Raffaella Carrà (2022).

***

Domenica 15 ottobre ore 11.00

ANTONELLA VIOLA

L’EQUILIBRIO PER IL BENESSERE

Modera: Paolo Armelli, giornalista

Quando si inizia a invecchiare? Cosa si può fare per affrontare la terza età nel migliore dei modi e quando bisogna iniziare a pensarci? Nel libro La via dell’equilibrio l’immunologa Antonella Viola spiega in modo semplice e accessibile quali sono i processi scientifici che segnano l’avanzare del tempo. Dall’alimentazione al movimento, dal microbiota al digiuno circadiano, Antonella Viola chiarisce quali sono gli effetti sul corpo e sulla psiche di una serie di abitudini che segnano la via verso l’equilibrio. Esempi concreti ed esperienze di vita personale in un libro che punta a creare una sintonia profonda tra Ragione e Sentimento. 

Antonella Viola è immunologa, docente e autrice italiana. Ha lavorato come professoressa ordinaria di Patologia generale presso il dipartimento di Scienze biomediche dell’Università di Padova e come direttrice scientifica dell’Istituto di ricerca pediatrica (Irp-Città della Speranza).

Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Danzare nella tempesta (Feltrinelli, 2021), Il cibo buono. C'è più gusto a nutrirsi bene (Gribaudo, 2022) scritto insieme a Daniele Nucci e La via dell'equilibrio. Scienza dellinvecchiamento e della longevità (Feltrinelli, 2023).

Paolo Armelli è un giornalista freelance che collabora con diverse testate come Wired, Donna Moderna e Link. Si occupa di cultura, libri e serie tv. Dal 2020 è direttore del Festival Mix Milano e ha co-fondato Quid Media, una piattaforma social, podcast e newsletter su temi lgbtq+. Il suo primo libro è L’arte di essere Raffaella Carrà (2022).

Domenica 15 ottobre ore 15.00

Anteprima

SIMONETTA AGNELLO HORNBY

ERA UN BRAVO RAGAZZO

Modera: Alberto Rollo, scrittore ed editor

Torna alla Rassegna letteraria di Vigevano Simonetta Agnello Hornby per presentare in anteprima il suo nuovo romanzo Era un bravo ragazzo (Mondadori) che arriverà in libreria il 17 ottobre. Nelle storie narrate da Simonetta Agnello Hornby spesso Ragione e Sentimento si scontrano, a volte trovano una convergenza. Le famiglie possono essere luogo di accoglienza e protezione, ma spesso si rivelano luoghi emotivi di obblighi e costrizione. E’ quello che succede anche in questo nuovo romanzo in cui due ragazzi, Giovanni e Santino, entrano progressivamente nelle dinamiche mafiose, tra inconsapevolezza e remissività. Santino diventa un principe del calcestruzzo, Giovanni avvocato, entrambi “guidati” da personaggi ambigui e potenti. Ognuno raggiunge il “successo” negli anni ‘80, quando in Sicilia si scatenano le guerre di mafia. Era un bravo ragazzo è un romanzo sul potere feroce delle famiglie, sull’ambizione, ma anche sul rapporto, a volte struggente, con la propria terra.

Simonetta Agnello Hornby è nata a Palermo ed è cittadina italiana e britannica, vive dal 1972 a Londra, dove ha svolto la professione di avvocato dei minori. Ha esordito con La Mennulara (Feltrinelli, 2002, nuova edizione arricchita e graphic novel a cura di Massimo Fenati, 2019). Fra i suoi titoli più celebri, La zia marchesa, Boccamurata, Vento scomposto, La monaca, Il veleno delloleandro, Caffè amaro, Nessuno può volare, Piano nobile, Punto pieno (tutti Feltrinelli), Un filo dolio (Sellerio) e La mia Londra (Giunti). Con Mimmo Cuticchio ha scritto Siamo Palermo (Mondadori). Ha scritto con il figlio George il racconto per ragazzi Rosie e gli scoiattoli di St. James (Giunti). Nel 2018 il presidente della Repubblica le ha conferito l’onorificenza dell’Ordine della Stella d’Italia nel grado di Grande Ufficiale.

Alberto Rollo (Milano,1951) è consulente per  la Narrativa Mondadori. È’ stato Direttore Letterario in Giangiacomo Feltrinelli Editore. Ha tradotto autori inglesi e americani. Ha pubblicato Un'educazione milanese, (2016, Manni Editore, Cinquina Premio Strega, Premio Pisa e Premio Alvaro-Bigiaretti), Il miglior tempo (Einaudi 2021) e Il grande cielo. Educazione sentimentale di un escursionista, Ponte alle Grazie 2023).

Domenica 15 ottobre ore 16.30

JEFFERY DEAVER con traduzione di Seba Pezzani

IL THRILLER MADE IN USA: DAL COLLEZIONISTA DI OSSA A TEMPO DI CACCIA

Modera: Luca Crovi, scrittore

Fresco di stampa, pubblicato l’11 ottobre, il nuovo romanzo di Jeffery Deaver, nuovo capitolo della serie bestseller con protagonista il cacciatore di ricompense. Colter Shaw non è un poliziotto, ma è un tracker, un localizzatore, uno che cerca persone scomparse. Abilissimo nell’individuare gli indizi da seguire, anche quelli più criptici. Questa volta Shaw è in missione per conto di un eccentrico uomo d’affari: l’obiettivo è recuperare il prototipo di un rivoluzionario dispositivo per piccoli reattori nucleari sottratto da una delle sue aziende. Nel frattempo l’ingegnera capo della compagnia scompare insieme alla figlia. In dialogo con uno dei massimi esperti di gialli, Luca Crovi, Jeffery Deaver racconta il suo nuovo romanzo e i suoi personaggi seriali, da Linconl Rhyme e Amelia Sachs de Il collezionista di ossa a Colter Shaw, personaggi in cui spesso c’è una bella lotta tra Ragione e Sentimento.

Jeffery Deaver, nato a Chicago nel 1950, è autore di molti romanzi che lo hanno consacrato maestro del thriller, pubblicato in 150 paesi. Il successo mondiale è arrivato con Il collezionista di ossa (2002), il primo libro della serie di Lincoln Rhyme, da cui è stato tratto l’omonimo film con Denzel Washington e Angelina Jolie. Tutti i suoi libri sono editi in Italia da Rizzoli. Tra i più recenti Il gioco del mai, Gli Eletti e La mappa nera, con protagonista Colter Shaw, e Il taglio di Dio e Il visitatore notturno con Lincoln Rhyme e Amelia Sachs.

Luca Crovi è redattore alla Sergio Bonelli Editore, dove cura le serie del commissario Ricciardi e di Deadwood Dick. Collabora con diversi quotidiani e periodici, ed è autore della monografia per Marsilio Tutti i colori del giallo (2002) trasformata nell’omonima trasmissione radiofonica di Radiodue.  Ha sceneggiato storie a fumetti da testi di Massimo Carlotto, Carlo Lucarelli, Andrea G. Pinketts e Joe R. Lansdale. Per Rizzoli ha pubblicato Lombra del campione (2018), Lultima canzone del Naviglio (2020) e Il gigante e la Madonnina (2022). Con Solferino ha pubblicato Il libro segreto di Jules Verne (2021) e con Società Editrice Milanese Il mistero della torre del parco e altre storie (2022).

Domenica 15 ottobre ore 18.00

Anteprima

DONATO CARRISI

NELLA MENTE DI UNO SCRITTORE DI THRILLER

Modera: Alessandra Tedesco, giornalista

Incontro di chiusura della Rassegna letteraria con il re italiano del thriller: Donato Carrisi. I suoi romanzi hanno venduto 4 milioni di copie solo in Italia e sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Aveva esordito nel 2009 con Il suggeritore, poi sono seguiti altri romanzi, alcuni dei quali come La ragazza nella nebbia, L'uomo del labirinto e Io sono l'abisso sono stati portati anche sul grande schermo con la sua regia. Negli ultimi anni la serie di romanzi con protagonista Pietro Gerber, psicologo infantile soprannominato l'addormentatore di bambini. In tutti i suoi romanzi Ragione e Sentimento si alternano, a volte entrano in conflitto, a volte trovano convergenze. Alla Rassegna letteraria Donato Carrisi svelerà in anteprima indizi e atmosfere del nuovo romanzo, in libreria a novembre.

*L’incontro è tradotto nella LIS - Lingua dei Segni da Nicole Vian e Martina Ricordo - Associazione Guanti Rossi grazie al sostegno del Rotary Club Vigevano Mortara.

Donato Carrisi vive fra Roma e Milano. Dopo aver studiato giurisprudenza, si è specializzato in criminologia e scienza del comportamento. Scrittore, regista e sceneggiatore di serie televisive e per il cinema, è una firma del Corriere della Sera. È l’autore dei romanzi bestseller internazionali (tutti pubblicati da Longanesi) Il suggeritore, Il tribunale delle anime, La donna dei fiori di carta, L’ipotesi del male, Il cacciatore del buio, La ragazza nella nebbia – dal quale ha tratto il film omonimo con cui ha vinto il David di Donatello per il miglior regista esordiente –, Il maestro delle ombre, L’uomo del labirinto – da cui ha tratto il film omonimo –, Il gioco del suggeritore, La casa delle voci, Io sono l’abisso – da cui ha tratto il film omonimo – , La casa senza ricordi ed è autore della favola dark Eva e la sedia vuota. Ha vinto prestigiosi premi in Italia e all’estero come il Prix Polar e il Prix Livre de Poche in Francia e il Premio Bancarella in Italia. I suoi romanzi, tradotti in più di 30 lingue, hanno venduto milioni di copie.

Tutti gli eventi sono ospitati al

CINEMA TEATRO ODEON

Via Mons. Berruti 2, VIGEVANO.

Gli eventi sono gratuiti ed è richiesta la prenotazione al link:

rassegnaletterariavigevano.eventbrite.com .

Indicazioni importanti:

La prenotazione è riservata alle sedute in platea.

È possibile richiedere sino a 2 ingressi gratuiti nella stessa prenotazione.

I posti a sedere non sono assegnati, la scelta è libera in base alla disponibilità.

Chiediamo a tutti i prenotati di arrivare al Cinema Teatro Odeon almeno 15 minuti prima, rispetto all’orario di inizio dell’incontro. Nel momento in cui l’incontro inizia i posti non occupati in platea saranno messi a disposizione di eventuali spettatori sprovvisti di prenotazione.

Sarà possibile accedere senza prenotazione ma solo per i posti in piedi, sino a disponibilità.

Rassegna Letteraria della Città di Vigevano

https://rassegnaletterariavigevano.comune.vigevano.pv.it/

Facebook @rassegnaletterariacittadivigevano

Instagram @rassegnaletterariavigevano

Twitter @premiovigevano 

 

 

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

SU