/ Cronache del passato

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Cronache del passato | 08 marzo 2019, 01:48

LEGGENDE - Quei malandrini di Robbio -

tratto da storiedilomellina.altervista.org

LEGGENDE - Quei malandrini di Robbio -

Correva l'anno 1631, gran parte della Lomellina era sotto il controllo degli Spagnoli.
A Robbio, la dominazione spagnola, faceva sentire ai propri abitanti la pressione.
Gli uomini del paese dovevano lavorare come schiavi, mentre le donne, dovevano cucinare quel poco rimasto dopo le varie battaglie avvenute.
Passarono mesi, fino a che una ragazza, mentre raccoglieva nelle campagne attorno alcune erbe da cucinare, venne aggredita da un soldato spagnolo. Si riuscì a divincolare dopo una furiosa lotta, e senza guardarsi indietro iniziò a correre verso casa. Giunta in paese incontrò il padre e gli raccontò tutto...
Gli uomini, stufi di questa situazione, si riunirono una sera appena fuori dal paese, ove gli spagnoli non potevano trovarli, e decisero che la situazione che stavano vivendo doveva cambiare.
E fu così che il giorno successivo, vi fu una vera mattanza... Il sangue scorreva per le vie di Robbio...
Più di trecento soldati spagnoli furono accatastati nel boschetto vicino al cosidetto “Prià”
Solo uno si salvò... il comandante del reggimento... Un certo Domingo Sentierra Mendoza che per puro caso, nel momento in cui venne l'attacco si trovò a casa di un certo “Pipin dla Bula” che, stanco dal lavoro e forse dal vino bevuto, si era addormentato, non accorgendosi della presenza dello spagnolo... Appena vi fu l'occasione il comandante prese un cavallo e corse a Milano, dove dopo aver avvisato i suoi superiori, decise di creare una targa di marmo con su scritto: “Attenti ai Malandrini di Robbio”, e la pose vicino al Duomo di Milano. Da quel giorno, si dice che chiunque abbia voluto “sfidare” Robbio ci pensava due volte!!!

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore