/ Oggi al cinema

Oggi al cinema | 13 aprile 2019, 11:24

La recensione: Il viaggio di Yao

Commedia on the road tenera, leggera e ricca di significato. Ma dal ritmo troppo flemmatico

La recensione: Il viaggio di Yao

Il tredicenne Yao vive a Kanel, un villaggio rurale nel nord del Senegal. Quando scopre che il celebre attore francese Seydou Tall è a Dakar per promuovere il suo libro, non ci pensa due volte e parte per incontrare l’adorato idolo. La vera avventura sarà però il viaggio di ritorno: i 387 chilometri di strade sconnesse per rientrare a Kanel saranno infatti costellati dai più variegati contrattempi. Yao affronterà tutto col sorriso sulle labbra, perché Seydou Tall si è liberato dai suoi impegni per riaccompagnarlo sano e salvo a casa, colpito dall’intraprendenza del ragazzino.

Omar Sy, star in perenne ascesa del cinema francese, torna (anche in veste di produttore) con una commedia on the road tenera, leggera e allo stesso tempo ricca di significato.

Il viaggio che riporta Yao a Kanel è anche facilmente metafora del ritorno alle origini di Seydou, che per la prima volta si ritrova a pochi passi da dove era partito suo nonno in gioventù.

Ma decide di non attraversare il fiume che lo separa dal villaggio. “Ci andrò con mio figlio”, dichiara Seydou durante una delle ultime tappe dell’improvvisato viaggio, col pensiero al piccolo Nathan rimasto in Francia con la madre. Seydou ha una nuova coscienza di sé: è ormai differente dall’uomo atterrato a Dakar soltanto tre giorni prima.

Adesso ha finalmente compreso perché i senegalesi incontrati sulla sua strada lo vedevano indubbiamente come “bianco” nonostante il colore nero della pelle, ed ha anche appreso un nuovo concetto di comunità e di tempo, arrivando a fregarsene del volo di ritorno ormai perduto.

Anche se la programmatica lentezza di tante situazioni – riparare l’auto, aspettare i comodi del tassista, accettare gli inevitabili inviti a pranzo di chiunque offra aiuto a questa strana coppia di viaggiatori – si traduce in un ritmo filmico talvolta flemmatico che arriva ad annacquare l’efficacia di molte scene, lo sguardo sulla realtà africana rimane limpido e il rapporto tra i due protagonisti innegabilmente sincero.

Recensione tratta dal cinematografo.it

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore