/ Cronaca

Cronaca | 24 gennaio 2020, 12:49

Robbio: fuggono con materiale rubato da un'azienda di informatica, denunciate tre persone

L'episodio è avvenuto nella nottata di ieri, i carabinieri hanno inseguito con l'auto i tre malviventi e gli hanno bloccati

Robbio: fuggono con materiale rubato da un'azienda di informatica, denunciate tre persone

Ieri giovedì 23 gennaio, i carabinieri della Stazione di Robbio Lomellina hanno deferito in stato di libertà per il reato di ricettazione in concorso un ventiduenne e residente a Robbio, un trentacinquenne  e residente a Palestro e un trentacinquenne, nato a Polistena e residente a Robbio Lomellina, tutti disoccupati e con precedenti di polizia, l’ultimo anche penali.

I predetti, alle ore 04.20 di ieri, a bordo del loro veicolo, dopo essersi accorti che erano stati notati dai militari, avevano tentato di eludere il controllo tagliando la strada al mezzo militare venendo però subito raggiunti e bloccati dagli operanti dopo un breve inseguimento.

La fuga è stata breva anche a causa del grande peso del materiale trasportato all’interno del veicolo, che da accertamenti successivi è stato appurato essere provento del furto avvenuto la notte precedente presso l’azienda “Integra Technologies Srl” di Rosasco (PV) e per il quale stata non era ancora stata formalizzata alcuna denuncia.

Tra i vari materiali recuperati vi era:

· 1 zaino contenente 7 mandrini per tornio in acciaio, con altrettanti utensili a punta diamantata e 1 chiave da mandrino;

· 1 valigetta contenente 1 trapano a percussione  e 6 punte per trapano di varie misure;

· 1 valigetta con all’interno vari hard disk e floppy disk;

· 2 televisori, 1 macchina fotografica, 1 tablet e 4 computer notebook;

· vari cuscinetti e giunti per impianti oleodinamici di varie misure e guarnizioni varie;

· 38 barre, piastre e blocchi in alluminio di varie forme e misure;

· numerose matasse di colore bianco con all’interno cavo elettrico di vari diametri, al momento non quantificabile in peso e lunghezza.

I predetti sono stati quindi anche sottoposti alle perquisizioni domiciliari che hanno consentito il rinvenimento di:

· 2.5 grammi di stupefacente tipo hashish a casa del trentacinquenne residente a Palestro, a cui è stato contestato l’illecito amministrativo  della detenzione di sostanze stupefacenti ad uso personale;

· 3 metri cubi di matasse di cavi elettrici nella disponibilità del ventiduenne nato a San Pietro Vernotico.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore