/ Attualità

Attualità | 23 febbraio 2020, 01:07

Coronavirus, il premier Conte: «Stop a tutte le manifestazioni sportive in Lombardia e Veneto. Divieto d'accesso e d'arrivo nelle aree focolaio»

Le misure del consiglio dei ministri straordinario notturno: «Sospese le uscite didattiche e i viaggi di istruzione delle scuole. Annullate tutte le manifestazioni sportive di domenica in Lombardia e Veneto. Nelle aree focolaio divieto di entrata e uscita»

Coronavirus, il premier Conte: «Stop a tutte le manifestazioni sportive in Lombardia e Veneto. Divieto d'accesso e d'arrivo nelle aree focolaio»

Il premier Giuseppe Conte, poco fa al termine del consiglio dei ministri, ha annunciato che «nelle aree focolaio non sarà consentito l'ingresso e l'allontanamento, salvo specifiche deroghe da valutare di volta in volta. In quelle aree è già stata disposta la sospensione delle attività lavorative e delle manifestazioni».

Nelle prossime ore «le misure approvate saranno rese operative e consentiranno, tra l'altro, la sospensione delle uscite didattiche e dei viaggi di istruzione delle scuole, in Italia e all'estero». 

Il ministro Spadafora, che ha la delega alle politiche giovanili e allo sport, «annullerà tutte le manifestazioni sportive in Lombardia e in Veneto nella giornata di domenica 23 febbraio». Da Inter-Sampdoria all'ultima partita di terza categoria di calcio, nessuno scenderà in campo. L'annullamento della domenica sportiva riguarda qualunque sport e qualunque categoria.

Sono 76 le persone colpite dal virus: 54 in Lombardia (2 a Milano: un uomo di 78 anni residente a Sesto San Giovanni e ricoverato al San Raffaele e un 71enne di Mediglia, attualmente al Sacco), 17  in Veneto, 2 in Emilia Romagna, 2 in Lazio e 1 in Piemonte. Le persone morte sono due: un uomo padovano di 78 anni e una donna di 76 anni di Casalpusterlengo, nel Lodigiano.

redazione online Varese

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore