/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Cronaca | 11 gennaio 2020, 18:35

Trecate: truffa del rilevatore di gas, denunciato 23enne lombardo

Pretendeva 299 euro da un anziano appena raggirato

Trecate: truffa del rilevatore di gas, denunciato 23enne lombardo

Carabinieri della Stazione di Trecate hanno deferito all’A.G. per l’ipotesi di reato di tentata truffa aggravata una persona di 23 anni, residente in Lombardia. I fatti risalgono a giovedì scorso quando i militari dell’Arma trecatese intervenivano a

seguito di una segnalazione al “112” per una presunta “truffa in danno di una persona anziana”. Giunti presso l’abitazione della vittima, un uomo classe 1938, i Carabinieri apprendevano che poco prima, un giovane, presentatosi quale operatore del gas, approfittando del cancello aperto, era entrato in casa e, dopo aver specificato che l’amministrazione Comunale di Trecate non aveva avuto il tempo di avvisare la cittadinanza dei controlli obbligatori in atto, iniziava a manipolare la stufa ed i fornelli del gas della cucina, posizionandovi una scatolina di plastica rotonda.

Quel giovane faceva notare una spia di colore rosso all’anziano, che accendendosi indicava la presenza di gas. Dopo ripetute insistenze, di dover firmare una ricevuta attestante la verifica effettuata, l’anziano firmava in buonafede.

Ne seguiva il preteso pagamento di 299 euro, svelando che ciò che era stato appena sottoscritto era un contratto d’acquisto di un rilevatore di gas (in realtà un semplice apparecchio elettrico di libera vendita del valore di poche decine di euro). L’anziano, compreso di esser stato raggirato, manifestava subito l’intenzione di chiamare i Carabinieri, così inducendo il giovane ad allontanarsi.

Ricevuta la prima descrizione del truffatore, i militari avviavano le ricerche e lo intercettavano, a piedi, in una zona poco distante dall’abitazione della vittima. Dai controlli emergeva che il soggetto, già noto alle forze dell’ordine per una vicenda analoga, aveva con sé altri rilevatori di fuga di monossido di carbonio, un tesserino di riconoscimento e moduli di contratti da stilare: il tutto veniva sequestrato, per ulteriori indagini.

redazione online Vercelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore