/ Cronaca

Cronaca | 27 marzo 2020, 11:46

Coronavirus, muore agente di polizia penitenziaria 52enne al carcere di Opera

I sindacati denunciano l'assenza di dati circa i contagi tra il personale penitenziario. Codacons: “Tutelare fortemente i soggetti più a rischio, scriviamo al ministero della giustizia ed al dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, chiediamo vengano comunicati i dati ed effettuati tamponi periodici”

Coronavirus, muore agente di polizia penitenziaria 52enne al carcere di Opera

Morto un agente di polizia penitenziaria in servizio presso il carcere di Opera, aveva 52 anni ed aveva contratto il Coronavirus da alcuni giorni.

I sindacati hanno denunciato l'assenza di dati, che non sarebbero ancora stati forniti circa il numero di soggetti positivi al Covid-19 tra il personale penitenziario e la distribuzione geografica degli stessi.

Codacons: "Tutelare i le categorie più a rischio deve essere una priorità dello Stato. Chiederemo al Ministero della Giustizia ed ala Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria di fornire i dati circa il numero di soggetti positivi al Coronavirus tra il personale penitenziario. - afferma il Presidente del Codacons, Marco Donzelli - ma questo non basta.

Chiediamo che tutte le categorie più a rischio, agenti di polizia penitenziaria compresi, vengano sottoposti a tamponi periodici al fine di valutarne la positività al virus per tutelare la loro salute e quella delle loro famiglie. L'unico modo per uscire dall'emergenza sanitaria è farlo con metodo e con un' organizzazione ben precisa. Presenteremo esposto alla Procura della Repubblica".

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore