/ Cronaca

Cronaca | 23 settembre 2020, 15:53

Vigevano: caso-bis, chiede il reddito di cittadinanza e scopre di essere morto

Codacons: “Il secondo caso nel giro di pochissimo tempo, purtroppo la burocrazia italiana ci abitua a casi così eclatanti. Ora si dia il via ad una azione risarcitoria per il sussidio non ricevuto nei mesi precedenti alla scoperta dell’errore”

Vigevano: caso-bis, chiede il reddito di cittadinanza e scopre di essere morto

Ha chiesto il reddito di cittadinanza a gennaio del 2020, ma trascorso qualche mese senza avere risposta, l’uomo si è insospettito e ha scoperto che la sua richiesta è stata bloccata perché l’uomo risulta deceduto. Sono trascorsi ormai nove mesi dalla richiesta e l’uomo non ha ancora ricevuto il sussidio.

Codacons: “E’ il secondo caso nel giro di poche settimane, purtroppo la burocrazia italiana non smette mai di stupire. Ma qualcuno dovrà pur pagare per questi errori, in questi casi, dimostrando di avere effettivamente bisogno del sussidio è possibile agire giudizialmente per ottenere il risarcimento delle mensilità trascorse. Per informazioni sul tema, segnalazioni e per ricevere assistenza legale giudiziale e stragiudiziale contattare il Codacons all’indirizzo codacons.pavia@gmail.com o al recapito 347.9619322”.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore