/ Sport

Sport | 20 febbraio 2021, 14:21

Fontana: «Una preghiera per Mauro Bellugi e un pensiero per i suoi cari»

Il governatore lombardo saluta così l'ex campione morto a 71 anni. A dicembre aveva subito l'amputazione delle gambe dopo il Covid, affrontando la situazione con straordinario spirito «Mi hanno tolto anche la gamba con cui ho segnato al Borussia», aveva detto

Fontana: «Una preghiera per Mauro Bellugi e un pensiero per i suoi cari»

Il governatore Attilio Fontana dice addio, anche a nome della Regione e dei cittadini lombardi, a Mauro Bellugi, ex difensore dell'Inter morto a 71 anni al Niguarda, da dove si trovava da novembre dopo aver affrontato una lunga degenza in seguito al Covid e all'amputazione delle gambe a causa di una trombosi.

«A un anno esatto dal primo caso di Covid in Italia, ci lascia Mauro Bellugi - scrive Fontana - Segnato dal virus, il calciatore della Nazionale e dell’Inter ha cercato di reagire a un complicato percorso sanitario con la forza e l’ironia che lo hanno sempre contraddistinto. Una preghiera e un pensiero per i suoi cari».

Bellugi aveva affrontato con straordinario spirito la situazione: indimenticabile quel «mi hanno tolto anche la gamba con cui ho segnato al Borussia» con cui scherzava sul suo unico gol in Coppa dei Campioni con l'Inter nel 1971/72 contro il Borussia Monchengladbach. Dal 1969 al '74 all'Inter voluto da Angelo Moratti, Bellugi ha poi giocato a lungo nel Bologna oltreché a Napoli, Pistoia e in Nazionale (32 presenze dal '72 all'80).

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore