/ Attualità

Attualità | 13 aprile 2021, 19:28

Le autorità sanitarie Usa sospendono il vaccino Janssen

Lo stop per la Johnson&Johnson è scattato dopo 6 casi di embolia in donne fra i 18 e i 48 anni, con un decesso. Ecco quali sono i sintomi pericolosi

Le autorità sanitarie Usa sospendono il vaccino Janssen

Non c'è pace sul fronte dei vaccini anti-Covid. 

Sono arrivate per oggi, nel deposito del Ministero della difesa di Pratica a Mare, le prime 184mila dosi del vaccino monodose Janssen, prodotto da Johnson & Johnson. Ma nelle stesse ore The New York Times ha diffuso la notizia che la Fda (l'agenzia federale sanitaria degli Stati Uniti), ha chiesto  "una pausa immediata nell'uso del vaccino monodose di Johnson & Johnson dopo che 6  donne di età compresa fra i 18 e i 48 anni hanno sviluppato "una malattia rara che coinvolge coaguli di sangue" entro le prime 2 settimane dalla vaccinazione". Il Times ha specificato anche che "una delle 6 donne è morta e una seconda, in Nebraska, è stata ricoverata in condizioni critiche". 

La sospensione provvisoria è ovviamente finalizzata ad approfondire eventuali correlazioni fra l'assunzione del vaccino e i 6 casi di eventi trombo-embolitici, classificabili come rari visto che, allo stato attuale, negli Usa sono state somministrate circa 7 milioni di dosi di Janssen. 

Dal canto suo la Johnson & Johnson ha reso noto di aver rinviato la consegna di nuovi carichi di siero Janssen all'Europa, "in un'ottica di trasparenza e in attesa delle valutazioni delle autorità sanitarie europee", precisando che la Federal drugs administration americana ha consigliato a coloro che hanno ricevuto il vaccino Janssen di "contattare il proprio medico se sviluppano un forte mal di testa, dolore addominale, dolore alle gambe o respiro corto entro 3 settimane dalla vaccinazione".

La decisione della Fda ha avuto immediate ripercussioni nel resto del mondo, Italia compresa. Nella riunione avvenuta nel pomeriggio fra i vertici del Ministero della salute e quelli dell'Aifa, l'agenzia italiana del farmaco, è stato deciso di attendere notizie più definitive da Ema e gli Usa.

"Valuteremo nei prossimi giorni - ha detto il ministro alla Salute Roberto Speranza -, appena Ema e gli Usa ci daranno notizie più definitive, quale sarà la strada migliore ma io penso che anche questo vaccino dovrà essere utilizzato perché è un vaccino importante. Le Regioni - ha poi sottolineato - devono stare a questa impostazione perché chi è più anziano rischia di perdere la vita".

La Regione Toscana contava di ricevere entro questa settimana 11mila dosi di vaccino Janssen e il governatore Giani aveva già annunciato che sarebbero state somministrate a persone di età compresa fra i 70 e i 79 anni. Ma il piano potrebbe essere rivisto alla luce di eventuali, nuove indicazioni da Roma.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore