/ Attualità

Attualità | 15 ottobre 2021, 18:21

Coronavirus, in provincia di Pavia 24 nuovi contagi. In Lombardia record di tamponi, ma "solo" 288 casi

Oltre centomila test in un giorno nella nostra regione: è l'effetto Green Pass. Il numero dei positivi resta molto contenuto: solo lo 0,2% è positivo. Ancora quattro vittime nella nostra regione

Coronavirus, in provincia di Pavia 24 nuovi contagi. In Lombardia record di tamponi, ma "solo" 288 casi

E' di appena 24 nuovi positivi la crescita del Coronavirus in provincia di Pavia. Lo riporta il bollettino della Protezione civile di oggi venerdì 15 ottobre. 

In Lombardia i nuovi positivi registrati oggi sono 288 sulla base di 105.469 tamponi totali analizzati (percentuale 0,2%). Ieri sul nostro territorio regionale l'incremento era stato di 273 casi con 66.424 tamponi totali, l'altro ieri invece di 307 a fronte di 53.236 tamponi.

Un dato in linea quindi, ma sulla base di un numero record di tamponi: oltre centomila in un solo giorno, come mai avvenuto da inizio pandemia. E' l'effetto Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro, che spinge chi ha scelto di non vaccinarsi ad effettuare il test per poter accedere al luogo di lavoro.

Per quanto riguarda i decessi per Covid in Lombardia oggi si registrano 4 vittime. Ieri ce n'erano state 10, l'altro ieri 5. Con l'ultimo aggiornamento è di 34.112 il numero delle persone positive al Covid-19 decedute in Lombardia dall'inizio dell'emergenza.  

Nelle terapie intensive lombarde risultano oggi 56 pazienti assistiti in totale, ieri erano 54 (saldo +2, nuovi ingressi in aggiornamento). 

Ecco la crescita di nuovi positivi registrata oggi nelle province della Lombardia.

Varese: 5;

Milano: 92 di cui 31 a Milano città;

Bergamo: 33;

Brescia: 44;

Como: 13;

Cremona: 10;

Lecco: 4;

Lodi: 8;

Mantova: 5;

Monza e Brianza: 17;

Pavia: 24;

Sondrio: 13.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore