/ Sport

Sport | 25 marzo 2022, 20:46

Formula 1, fiamme nel deserto

Nelle prove libere del Gran Premio di Arabia Saudita sono ancora Ferrari e Red Bull a dettare il passo. Ma l'attenzione è tutta per un attentato a 20 chilometri dal circuito

Formula 1, fiamme nel deserto

Credo di non aver mai assistito in tanti anni che seguo la Formula 1 a un pomeriggio come quello di oggi. 

Il venerdì solitamente è dedicato allo studio del circuito, di come si comporteranno in qualifica i team e quali mescole di pneumatici siano più adatte per la gara. 

Oggi assolutamente no, perché sono ore di tensione e ansia a Jeddah. Proprio mentre le monoposto iniziavano a scendere in pista per la prima sessione di libere si è alzata una colonna di fumo a circa 20 chilometri dal circuito. Come segnalato dalle maggiori testate internazionali e dalla stampa presente in Arabia Saudita, si sarebbe trattato di un attacco del gruppo Houthi dello Yemen a uno stabilimento petrolifero della Aramco. Già lo scorso 20 marzo l’azienda petrolifera era stata attaccata, dagli stessi miliziani, ipotizzando addirittura la possibilità di non far correre la F1 in Arabia. 

I tempi delle FP1

1 Charles LECLERC Ferrari1:30.772  

2 Max VERSTAPPEN Red Bull Racing+0.116  

3 Valtteri BOTTAS Alfa Romeo+0.312  

4 Carlos SAINZ Ferrari+0.367  

5 Pierre GASLY AlphaTauri+0.545  

6 Yuki TSUNODA AlphaTauri+0.733  

7 Sergio PEREZ Red Bull Racing+0.791  

8 Esteban OCON Alpine+1.254  

9 Lewis HAMILTON Mercedes+1.592  

10 Fernando ALONSO Alpine+1.609  

11 Daniel RICCIARDO McLaren+1.734  

12 Lance STROLL Aston Martin+1.810  

13 Lando NORRIS McLaren+1.822  

14 Guanyu ZHOU Alfa Romeo+1.836  

15 George RUSSELL Mercedes+2.067  

16 Nico HULKENBERG Aston Martin+2.262  

17 Alexander ALBON Williams+2.315  

18 Nicholas LATIFI Williams+2.757  

19 Mick SCHUMACHER Haas F1 Team+3.657  

20 Kevin MAGNUSSEN Haas F1 Team- –  

Le FP2 partono con 15 minuti di ritardo a causa di una riunione straordinaria della FIA e di Formula 1 per rassicurare team e piloti a seguito dell’attacco alla fabbrica Aramco. 

Difficile parlare di sport dopo le immagini viste nel pomeriggio italiano. 

Le FP2 dimostrano anche oggi quanto visto la scorsa settimana, Red Bull e Ferrari davanti a tutti a dettare il passo

In uno dei tentativi di giro da qualifica Leclerc picchia l’anteriore sinistra e finisce in anticipo le prove libere, come il compagno di squadra Sainz che ha sfiorato anche lui il muro. 

In ripresa Norris con la McLaren e conferme per Bottas con la Alfa Romeo e Ocon con Alpine. 

Nell’ultima parte delle prove libere i team si sono concentrati sul passo gara. Entrambe le Ferrari ai box, la Mercedes sembra migliorare rispetto alla scorsa settimana. Problemi per Tsunoda con la Alpha Tauri e il motore Red Bull che ha avuto grossi problemi nel finale posteggiando a bordo pista la sua macchina. 

Nella tarda serata di Jeddah nuova riunione delle scuderie con FIA, Formula 1 e autorità locali. 

I tempi delle FP2 

1 Charles LECLERC Ferrari1:30.074  

2 Max VERSTAPPEN Red Bull Racing+0.140  

3 Carlos SAINZ Ferrari+0.246  

4 Sergio PEREZ Red Bull Racing+0.286  

5 Lewis HAMILTON Mercedes+0.439  

6 George RUSSELL Mercedes+0.590  

7 Lando NORRIS McLaren+0.661  

8 Esteban OCON Alpine+0.686  

9 Valtteri BOTTAS Alfa Romeo+0.758  

10 Yuki TSUNODA AlphaTauri+0.812  

11 Fernando ALONSO Alpine+0.870 

12 Pierre GASLY AlphaTauri+0.889  

13 Mick SCHUMACHER Haas F1 Team+1.095  

14 Lance STROLL Aston Martin+1.298  

15 Daniel RICCIARDO McLaren+1.453  

16 Nico HULKENBERG Aston Martin+1.541  

17 Guanyu ZHOU Alfa Romeo+1.541  

18 Nicholas LATIFI Williams+1.740  

19 Alexander ALBON Williams+1.792  

20 Kevin MAGNUSSEN Haas F1 Team–  

Lorenzo Pisani - VareseNoi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore