/ Cronaca

Cronaca | 14 luglio 2022, 14:16

Gdf Pavia: falso in bilancio e indebite compensazioni fiscali. Arrestato un commercialista, misure cautelari per 3 imprenditori

Disposto il sequestro preventivo per oltre 7 milioni di euro. Perquisizioni della guardia di finanza nei confronti di numerose persone fisiche e società

Gdf Pavia: falso in bilancio e indebite compensazioni fiscali. Arrestato un commercialista, misure cautelari per 3 imprenditori

Nella mattinata odierna la Guardia di Finanza, su delega della Procura della Repubblica di Pavia, sta dando esecuzione ad una ordinanza applicativa di misure cautelari personali e reali emessa dal G.I.P. del Tribunale di Pavia, che ha disposto la custodia cautelare in carcere nei confronti di un commercialista pavese e l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, per tre imprenditori, a vario titolo indagati per associazione a delinquere finalizzata alla commissione di reati tributari, reati di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, indebita compensazione di crediti Iva inesistenti, false comunicazioni sociali, nonché il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di beni per oltre 7 milioni di euro.

La misura cautelare rappresenta l'epilogo di un'articolata indagine svolta dalla Guardia di Finanza di Voghera, coordinata dalla Procura della Repubblica di Pavia, che ha consentito di disarticolare un sodalizio criminale tra professionisti, soggetti con il ruolo di prestanome e imprenditori attivi nel settore edile, della consulenza amministrativa, pubblicità tutti operanti tra le province di Pavia, Milano nonché presso sedi Napoli, Torino e Monza Brianza,

Le attività investigative hanno inizialmente riguardato una società di costruzione pavese, fittiziamente  amministrata  da  un  cittadino sudamericano,  ma  di  fatto  gestita  da  un commercialista pavese e un imprenditore italiano,  i quali hanno simulato l'operatività dell'impresa annotando in contabilità fatture passive inesistenti per oltre 13 milioni di euro, emesse da società "fantasma" poiché cessate o fallite anche svariati anni prima rispetto alla data indicata sulle fatture false. I finanzieri hanno appurato che l'inesistente credito IVA scaturito e stato prima fraudolentemente certificato dal commercialista arrestato e da altro professionista, e poi utilizzato in compensazione o venduto a terzi attraverso lo strumento dei  cosiddetti  "contratti  di  accollo",  determinando  un'evasione  fiscale  da  mancato pagamento delle imposte, indebitamente compensate, per una cifra pari a circa 1 milione e mezzo di euro.

Le indagini svolte hanno fatto emergere anche numerose anomalie fiscali riguardanti diversi clienti del professionista arrestato. Infatti, gli ulteriori approfondimenti investigativi, scaturiti dall'analisi dell'operatività della società di costruzioni pavese, hanno consentito di disvelare un vero e proprio schema evasivo costituito da un network di società fittizie aventi quale unica finalità imprenditoriale l'emissione di fatture false per un importo complessivo a circa

9 milioni di euro, con un'Iva evasa pari a circa 1 milione di euro. Lo schema criminale prevedeva che le società riconducibili agli arrestati emettessero fatture false nei confronti di numerose imprese operanti tra  Lombardia,  Piemonte e Campania;  successivamente, ciascun soggetto cliente provvedeva al pagamento della fattura falsa attraverso bonifici bancari, per poi vedersi restituita la somma di denaro, previo prelevamento in contanti dell'intero importo, al netto del corrispettivo per il servizio pari al 5-9% dell'imponibile.

Inoltre, le attività investigative dei finanzieri hanno consentito di accertare la sistematica falsificazione dei bilanci delle società coinvolte nel descritto schema fraudolento, finalizzata principalmente a garantire una giustificazione contabile alle condotte di evasione fiscale perpetrate dalle società coinvolte, ovvero ottenere ulteriori indebiti risparmi di imposte in realtà dovute, ad esempio attraverso la sopravvalutazione delle rimanenze.

L'operazione condotta dalla Guardia di Finanza di Pavia, sotto la costante e puntuale direzione della Procura della Repubblica, testimonia il costante ed efficace impegno profuso a tutela della sicurezza economico-finanziaria del Paese, con particolare riferimento al contrasto dei reati di frode fiscale e falso in bilancio, che possono alterare il corretto funzionamento del mercato determinando forme di concorrenza sleale a danno degli imprenditori onesti.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore