/ Cronaca

Cronaca | 28 novembre 2022, 18:22

Omicidio Carol Maltesi, Fontana in Aula: «Ho fatto una cosa mostruosa. Provo pentimento e vergogna ogni giorno»

Il bancario a processo per la morte della 26enne di Sesto Calende ha parlato oggi prima dell'udienza in tribunale a Busto: «È giusto che io paghi. Spero un giorno che possiate perdonarmi»

Omicidio Carol Maltesi, Fontana in Aula: «Ho fatto una cosa mostruosa. Provo pentimento e vergogna ogni giorno»

«So di aver fatto una cosa mostruosa e orribile. Non mi spiego ancora adesso come ho potuto fare una cosa del genere. Provo pentimento e vergogna ogni singolo giorno che passa». Sono le parole pronunciate oggi da Davide Fontana, il bancario di 43 di Rescaldina a processo per la morte di Carol Maltesi, la giovane mamma di Sesto Calende uccisa e fatta pezzi e poi abbandonata in una scarpata nel Bresciano.

L'uomo, reo confesso, è comparso oggi in tribunale a Busto Arsizio per il processo: «È giusto che io paghi e dal carcere voglio fare tutto il possibile per espiare. Spero un giorno che tutti possiate perdonarmi» ha detto l'uomo prima dell'inizio del dibattimento, come riporta il giornale Fanpage.

Fontana, che dopo l'omicidio della ventiseienne aveva tentato di bruciarne i resti in un braciere nei boschi della Valcuvia che poi aveva conservato per due mesi in un congelatore prima di disfarsene lo scorso marzo, rischia il massimo della pena: l'ergastolo. La richiesta di rito abbreviato è stata infatti respinta nelle scorse settimane.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore