/ Cronaca

Cronaca | 19 gennaio 2023, 18:11

Cilavegna: coltivava serre di marijuana in soffitta, arrestato

Blitz della Guardia di Finanza

Cilavegna: coltivava serre di marijuana in soffitta, arrestato

La Guardia di Finanza, al termine di un'indagine diretta dal sostituto procuratore Andrea Zanoncelli, ha eseguito una perquisizione domiciliare nei confronti di un soggetto italiano dedito alla produzione e spaccio di sostanze stupefacenti operante a Cilavegna. 

L'operazione, eseguita dopo un periodo di stretto monitoraggio del responsabile, ha consentito di rinvenire una coltivazione indoor di marijuana nascosta nel sottotetto della sua abitazione.

In particolare, i militari del Gruppo di Pavia hanno setacciato la casa dello spacciatore senza trovare alcunché per poi scoprire una botola nascosta per mezzo della quale si accedeva ad un angusto sottotetto utilizzando una scala.

Nella peculiare "soffitta" i finanzieri hanno rinvenuto ben tre serre da interno ove venivano coltivate varie tipologie di canapa indica, circa 2 etti di marijuana già essiccata, 80 grammi di hashish, centinaia di semi di marijuana e numeroso materiale per la coltivazione. Le decine di piante rinvenute avrebbero prodotto, al termine del ciclo di essiccamento e pulitura, oltre 4 kg di marijuana pronta per lo spaccio.

Degno di nota, il fatto che il soggetto avesse predisposto un particolare impianto di riscaldamento, una elaborata struttura per il riutilizzo dell'acqua stipata in piscinette e, soprattutto, un sistema di aerazione e coibentazione dei locali che consentiva di veicolare i tipici aromi della marijuana fuori dall'immobile; quanto detto perché dall'interno della sua abitazione era impossibile immaginare quanto rinvenuto né tantomeno percepire la fragranza dei fiori di sostanza stupefacente nel pieno della coltura. 

Posto quanto sopra, i militari procedevano all'arresto in flagranza di reato del soggetto in violazione della normativa sugli stupefacenti in quanto, senza alcuna autorizzazione, produceva e deteneva ai fini di spaccio ingente quantitativo di droga. 

L'operazione della Guardia di Finanza, si colloca in un più ampio dispositivo di controllo economico del territorio, nell'ambito del quale viene garantita un'attenzione particolare ai fenomeni della produzione e commercializzazione di sostanze stupefacenti e psicotrope sul territorio lombardo a tutela della legalità ed al contrasto dei traffici illeciti. 

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore