/ Cronaca

Cronaca | 28 marzo 2023, 16:47

Logistica e facchinaggio: sequestro da 300 milioni e 22 arresti della GDF. Coinvolte società di Lainate e Trezzano

Logistica e facchinaggio: sequestro da 300 milioni e 22 arresti della GDF. Coinvolte società di Lainate e Trezzano

Due consorzi attivi nel settore della logistica e del facchinaggio sono al centro dell’inchiesta della procura di Milano che ha portato la Guardia di finanza a eseguire un’ordinanza, disposta dal gip Luca Milani, nei confronti di 22 persone.

Tutte ritenute responsabili a vario titolo dei reati di associazione per delinquere, bancarotta, emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, e a sequestri per quasi 300 milioni di euro. A finire sotto indagine il Consorzio Sac, il Consorzio Progresso logistico, entrambi di Lainate, e la Ailati Scarl di Trezzano sul Naviglio, una con funzione ‘ancillare’.

Secondo il quadro ricostruito dai pm, i due consorzi avrebbero avuto un ruolo da protagonisti nell’affidamento di commesse ricevute dalla clientela a imprese consorziate o collegate, tutte intestate a prestanome, sulle quali “sono stati fatti gravare tutti gli oneri contributivi e fiscali relativi ai lavoratori”, con danni per l’Erario, per lavoratori e imprese legali e con “enormi profitti illeciti per gli autori delle frodi”.

Centrale nell’inchiesta coordinata dal magistrato Roberto Fontana (ora al Csm) e dai pm Grazia Colacicco e Pasquale Addesso, l’uso di trojan, una sorta di ‘virus’ che viene installato nel cellulare della persona sottoposta a indagini e permette di acquisire il pieno controllo del dispositivo e di effettuare intercettazioni ambientali attivando da remoto la fotocamera o il microfono.

 

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore