/ Cronaca

Cronaca | 20 aprile 2023, 12:01

Scoperti 270mila prodotti cosmetici nocivi: nei guai una ditta della provincia di Varese, tre persone denunciate

Operazione della Guardia di Finanza di Verbania: le Fiamme Gialle hanno trovato alcun i prodotti contenenti una sostanza vietata in due esercizi a Verbania e Cannobio e sono risaliti ad una società del Varesotto

Scoperti 270mila prodotti cosmetici nocivi: nei guai una ditta della provincia di Varese, tre persone denunciate

Nell’ambito della costante azione di controllo economico del territorio, le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Verbania hanno sottoposto a sequestro quasi 270.000 cosmetici contenenti una sostanza dichiarata nociva per la salute.

Nello specifico, i militari del Gruppo di Verbania, durante i ciclici controlli sulla sicurezza dei prodotti, rinvenivano, in due punti vendita nei comuni di Verbania e Cannobio, 157 confezioni di deodoranti, saponette, shampoo e bagnoschiuma contenenti il “Butylphenyl methylpropional”, più comunemente denominato “Lilial”, ovvero un composto chimico comunemente usato come profumo nei preparati cosmetici e nelle polveri per bucato, vietato con Regolamento UE 2021/1902 a far data dal 1° marzo 2022 poiché rientrante nel novero delle sostanze cancerogene e tossiche.

I finanzieri, quindi, sottoponevano a sequestro i prodotti nocivi rinvenuti e deferivano alla locale Procura della Repubblica di Verbania i due titolari degli esercizi per la violazione della legislazione speciale in tema di cosmetici.

Sulla base della documentazione fiscale acquisita e dei documenti di trasporto, i militari hanno ricostruito la filiera di vendita e risalivano al fornitore a monte, una società attiva nel commercio all’ingrosso di saponi e cosmetici con sede in provincia di Varese.

I finanzieri hanno proseguito le attività di polizia giudiziaria presso il luogo d’esercizio della società individuata dove venivano rinvenuti, fra gli altri, circa 15.000 prodotti contenenti la medesima sostanza dannosa per la salute. Pertanto, anche il rappresentante legale della società che deteneva per il commercio tali prodotti veniva deferito alla locale Procura della Repubblica.

Sotto il coordinamento investigativo della Autorità Giudiziaria di Busto Arsizio venivano condotte ulteriori attività investigative che portavano ad individuare due ulteriori società di stoccaggio e logistica varesine che detenevano, in conto deposito per la successiva immissione in commercio, la merce della società oggetto d’indagine. All’esito delle operazioni di perquisizione venivano sottoposti a sequestro ulteriori 255.000 confezioni di shampoo, deodoranti, profumi e saponi, in 161 bancali di merce, contenenti il Lilial.


da VcoNews.it

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore