/ Attualità

Attualità | 17 maggio 2023, 19:41

“Dopo di noi”: sottoscritto il patto per migliorare l’applicazione della legge nel Pavese

Nel convegno organizzato dall’ATS di Pavia e dedicato ad addetti ai lavori, amministratori locali e attori delle politiche sociali, illustrati i percorsi di innovazione sociale del welfare territoriale per le persone con disabilità

“Dopo di noi”: sottoscritto il patto per migliorare l’applicazione della legge nel Pavese

Documentare e condividere con gli addetti ai lavori, gli amministratori locali e i principali attori delle politiche sociali locali, regionali e nazionali i percorsi di cambiamento avviati dall’applicazione della Legge 112/16, conosciuta come “Dopo di Noi”, e i suoi riflessi potenziali sulle trasformazioni del sistema di welfare in atto, attraverso un dialogo che si snodi dal livello territoriale a quello regionale e nazionale: questi gli obiettivi del convegno organizzato dall’ATS di Pavia e tenutosi mercoledì 17 maggio, presso la Sala dell’Annunciata.

Il convegno, che si è sviluppato attraverso sessioni e tavole rotonde, ha infatti affrontato da diverse prospettive il tema dell’applicazione della Legge 112/2016 e il progetto di vita in un sistema che sostenga la persona con disabilità a partire dai principi della Convenzione ONU per i diritti delle persone con disabilità e l’attuazione della legge delega 227/2021. Al centro del convegno anche le esperienze dei familiari, che hanno raccontato e presentato le diverse forme possibili di progettualità, le loro proposte e le loro aspettative per il futuro dei propri cari affetti da disabilità.

Negli ultimi due anni, l’ATS di Pavia ha sostenuto questo processo organizzando, con fondi regionali dedicati, percorsi formativi aperti a operatori di tutti i servizi che operano nell’ambito della disabilità. Ad oggi, sul territorio di Pavia, sono 84 le progettualità attive e 109 i progetti avviati nell’arco temporale dal 2018 a fine 2022: molti di questi hanno consentito di realizzare il diritto e la volontà delle persone con disabilità, in molti casi sostenute dai loro familiari, di vivere in autonomia e di essere protagoniste di percorsi di emancipazione dal nucleo familiare di origine.

Ha affermato Lorella Cecconami, Direttore Generale dell’ATS di Pavia – “Il modello realizzato sul nostro territorio si fonda su una stretta collaborazione e integrazione dei diversi enti e soggetti che concorrono alla realizzazione dei progetti di vita con le persone con disabilità e le loro famiglie. Grazie ai fondi messi a disposizione da Regione Lombardia e in partenariato con gli enti locali, abbiamo in cantiere numerosi progetti, alcuni anche con una forte valenza sperimentale che si rivolgeranno a persone con diagnosi di autismo”.

In chiusura del convegno, inoltre, è stato sottoscritto il patto del “Dopo di Noi” che individua 10 parole chiave e spunti operativi per migliorare l’applicazione della Legge 112/2016 sul territorio, consentendo la concreta realizzazione di nuovi percorsi di vita.
Il processo che sostiene l’attuazione della legge sul territorio dell’ATS di Pavia è continuo e porterà entro il 2026, anche grazie ai finanziamenti legati al PNRR, alla realizzazione di nuove co-abitazioni per 48 nuove progettazioni.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore