/ Cronaca

Cronaca | 05 giugno 2023, 11:53

Abbiategrasso, parla il legale della famiglia del 16enne arrestato: "I genitori hanno chiesto scusa al preside, successivamente"

Dopo l’intervista della professoressa Elisabetta Condò a Sandro De Riccardis, sulla Repubblica di ieri, questa mattina è arrivata una precisazione da parte dell’avvocato Stefano Rubiu, legale che segue la famiglia e il 16enne attualmente detenuto al Beccaria

Abbiategrasso, parla il legale della famiglia del 16enne arrestato: "I genitori hanno chiesto scusa al preside, successivamente"

Lo fa con un’intervista a Giovanni Chiodini del "Giorno", nella quale specifica esattamente qual è stata la reazione della famiglia in questa concitata settimana.

«Mi dispiace solo una cosa. Non aver ricevuto nessuna parola di scuse dalla famiglia del ragazzo che mi ha aggredita. Non me lo aspettavo dal ragazzo, che è sicuramente sotto choc, ma almeno da genitori mi sarei attesa un’espressione di vicinanza o dispiacere», aveva dichiarato la professoressa Condò ieri a Repubblica.
La docente dell’istituto Alessandrini sta invece trascorrendo la convalescenza a casa. E oggi come detto i genitori del ragazzo che frequentava la seconda AL dicono che si erano scusati con il preside il giorno dei fatti. Tramite l’avvocato Stefano Rubiu la famiglia chiarisce che aveva manifestato subito la sua vicinanza. Ma che adesso aspettano i tempi e i modi giusti per manifestarla pubblicamente anche alla professoressa.

Le scuse
Un fatto che il preside dell’istituto Alessandrini Michele Raffaeli conferma: «Le scuse le hanno fatte a me. C’è comprensione per la situazione della famiglia, che è ben consapevole della gravità dell’accaduto. Ho comunicato subito all’interno della scuola l’attenzione e la costernazione dei genitori, le scuse non sono mancate. Quando hanno parlato con me, ho fatto sentire ai genitori la nostra vicinanza e la nostra preoccupazione nei confronti del ragazzo. Perché per noi gli studenti che sbagliano non vanno allontanati ma, al contrario, accolti e aiutati perché si riprendano dalla caduta. Quando ho accompagnato il ragazzo in ambulanza, dopo il fatto, era paralizzato e guardava nel vuoto. Appariva assolutamente calmo, ma non era in sé».

Sempre l’avvocato Rubiu, nell’intervista al Giorno, precisa che a delle scuse immediatamente a ridosso di un evento così altisonante saranno da preferire parole più circostanziate, scuse vere e non di comodo “da dare in pasto all’opinione pubblica”. Parole che ci sono parse del tutto ragionevoli e condivisibili, che aggiungono un ulteriore tassello alla vicenda consumatasi esattamente sette giorni addietro.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore