/ Dintorni

Dintorni | 22 novembre 2023, 15:10

Non fa (quasi più) notizia, ma la Guida 2024 del Gambero Rosso incorona nuovamente i Besuschio ai vertici della pasticceria italiana

Il campionato di serie A della pasticceria italiana è a trazione Lombardia, con ben 9 campioni dell’alta pasticceria di cui 4 a Milano : Besuschio domina la Regione e la metropoli

Non fa (quasi più) notizia, ma la Guida 2024 del Gambero Rosso incorona nuovamente i Besuschio ai vertici della pasticceria italiana

Quando sei costantemente ai vertici da tanti anni, i primati ed i riconoscimenti rischiano di passare in secondo piano. Ma non dobbiamo, vogliamo né possiamo abituarci ai successi di una famiglia di Abbiategrasso che dal 1845 (sì, sono quasi 180 anni..) fa rima non sono con dolcezza e gusto, ma soprattutto con l’eccellenza (quella vera, non posticcia o artefatta). E allora so long, ed in alto i cuori, ad Andrea, Giacomo Besuschio, alla consorte di Andrea, a Walter Leo a tutto lo staff di sala e di laboratorio della Pasticceria Besuschio, che ancora una volta è stata incoronata dal Gambero Rosso ai vertici dell’arte dolciaria italiana.

La tredicesima edizione della guida Pasticceri e Pasticcerie di Gambero Rosso riserva molte belle sorprese, a testimoniare la vivacità del settore. Aumenta il numero di indirizzi recensiti, che salgono a 650, con ben 60 locali che entrano per la prima volta in guida, distribuiti su tutto il territorio nazionale. Un panorama composito, che fotografa il buono stato di salute delle grandi città ma annovera pure tante interessanti realtà della provincia.

A guardare i numeri, è la Lombardia con i suoi 89 locali presenti in guida la regione con la più alta concentrazione di insegne segnalate, tallonata dal Veneto, che sale a 70 indirizzi. Buone nuove anche dal Meridione, che vede la Puglia prima per nuovi ingressi in guida con ben 10 locali, seguita dalla Sicilia con 8. Brilla infine il Piemonte, asso pigliatutto con Dalmasso che si conferma la pasticceria migliore d’Italia, uno dei due indirizzi che vanno ad arricchire il Gotha delle Tre Torte e due premi speciali, assegnati a locali al loro debutto.

Il podio: sono 31 le Tre Torte Sono 31 i locali che quest’anno ottengono il massimo riconoscimento delle Tre Torte, con due nuovi medagliati, Piccola Pasticceria di Casale Monferrato (AL) e Dolciarte di Avellino, che si aggiungono alle altre 29 insegne già presenti.

Sola in vetta con 95 punti la pasticceria Dalmasso di Avigliana (TO), che conferma Alessandro Dalmasso per il terzo anno consecutivo il migliore pasticcere d’Italia. Sul podio, con un punteggio di 94, anche la pasticceria Biasetto di Padova e Maison Manilia di Montesano sulla Marcellana (SA), e non mancano interessanti sorprese nella classifica.

Il campionato di serie A della pasticceria italiana è a trazione Lombardia, con ben 9 campioni dell’alta pasticceria – di cui 4 a Milano -, seguita dalla Campania con 6 indirizzi, poi Lazio e Piemonte con 3 insegne, 2 per Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Sicilia. Rappresentate anche Trentino Alto Adige e Puglia, ciascuna con un locale nella corposa squadra delle Tre Torte.

Fuori classifica, con il riconoscimento delle Tre Torte d’Oro, Iginio Massari, icona che rende onore alla pasticceria italiana nel mondo ed esempio per tutti coloro che vogliano avvicinarsi all’arte bianca.

Ecco le pasticcerie premiate con le Tre Torte: dalla classifica si coglie come Andrea Besuschio sia al primo dell’intera Lombardia e della Città di Milano: tutti gli altri, compresi i grandi nomi, sono alle spalle. Complimenti davvero.

Fondata su un’eredità storica centenaria e piena di passione, è guidata ora da Andrea, affiancato da Giacomo. In menù, evergreen come la Mela Tatin (sablè bretone, composta di mele e zenzero e millefoglie di mele), torte da forno, mousse, macarones, lievitati, cioccolati e creme spalmabili.

95

Dalmasso – Avigliana [TO]

94

Biasetto – Padova

Maison Manilia – Montesano sulla Marcellana [SA]

93

Besuschio – Abbiategrasso [MI]

Pasticceria Agricola Cilentana Pietro Macellaro – Piaggine [SA]

92

Acherer Patisserie. Blumen – Brunico/Bruneck [BZ]

Gino Fabbri Pasticcere – Bologna

Fabrizio Galla – San Sebastiano Da Po [TO]

Gruè – Roma

Pasquale Marigliano – Nola [NA]

Nuovo Mondo – Prato

Sal De Riso Costa d’Amalfi – Minori [SA]

Sciampagna – Palermo

Walter Musco – Walter Musco – Bompiani – Roma

91

Belle Hélène – Tarquinia [VT]

Caffè Cavour 1880 – Brescia

Fusto Milano – Milano

Ernst K Knam – Milano

Pasticceria Marisa – San Giorgio delle Pertiche (PD)

Rinaldini – Rimini

Caffè Sicilia – Noto [SR]

90

L’Arte Bianca – Parabita [LE]

Cortinovis – Ranica [BG]

Dolce Reale – Montichiari [BS]

Dolciarte- Avellino

Luca Mannori – Prato

Martesana Milano – Milano

Piccola Pasticceria – Casale Monferrato [AL]

Pepe Mastro Dolciere – Sant’Egidio del Monte Albino [SA]

Pasticceria Roberto – Erbusco [BS]

Alessandro Servida – Milano

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore