/ Economia

Economia | 07 dicembre 2023, 07:00

L'Economia italiana: un decennio di divergenze tra Nord e Sud

Il divario nord-sud nell'ultimo decennio.

L'Economia italiana: un decennio di divergenze tra Nord e Sud

Come descritto nell’articolo del Sole 24 Ore, nel corso degli ultimi dieci anni l'economia italiana ha mostrato divergenze significative tra le regioni del Nord e del Sud. La crisi da Covid-19 e lo shock della guerra in Ucraina hanno accentuato queste differenze, con perdite significative in tutte le regioni, ma particolarmente pesanti nel Sud​​​​.

Il Sud e l'aumento della povertà

Un rapporto dello Svimez del 2021 indica che, nonostante il rimbalzo del PIL post-Covid sia stato evidente sia al Nord che al Sud, il Mezzogiorno ha registrato una crescita inferiore (+5% contro +6.8% del Nord). Questa disparità ha contribuito all'aumento della povertà, con circa 775 mila famiglie povere al Sud, rappresentando un'incidenza maggiore di povertà rispetto al Nord​​.

Occupazione e emigrazione dei giovani

Il tasso di disoccupazione al Sud è stato significativamente più alto rispetto al Nord, con un tasso di disoccupazione del 15,9% al Sud contro il 5,8% al Nord nel 2020. Questo ha contribuito all'emigrazione dei giovani dal Mezzogiorno, lasciando un vuoto produttivo​​.

Occupazione femminile e pubblica amministrazione

L'occupazione femminile laureata nel Mezzogiorno è al 44%, contro il 70% al Nord. Anche nell'ambito della Pubblica amministrazione, il Sud ha sofferto un calo dell'occupazione significativamente maggiore rispetto al Nord​​.

I giovani NEET al Sud

La situazione dei giovani NEET (non in educazione, occupazione o formazione) è particolarmente grave al Sud, dove nel 2020 rappresentavano il 36% di tutti i giovani della regione​​.

Il Nord Italia: un motore economico

Il Nord Italia ha continuato a trainare l'economia nazionale, con una crescita del PIL e dell'occupazione superiore alla media nazionale. Settori come i servizi finanziari, il commercio, e i trasporti hanno mostrato una forte crescita, a differenza dell'agricoltura che ha visto un calo significativo​​​​​​.

Il Centro e il Mezzogiorno: divergenze nell'economia

Il Centro Italia ha mostrato una crescita modesta in settori come l'industria e i servizi, mentre nel Mezzogiorno, nonostante una crescita marcata nell'industria e nel commercio, l'agricoltura ha registrato cali​​​​. L'aumento dell'occupazione nel Mezzogiorno è stato inferiore alla media nazionale​​.

Il gioco d'azzardo nel 2022: un confronto tra Nord e Sud Italia

Nel 2022, le dinamiche del gioco d'azzardo in Italia hanno mostrato differenze notevoli tra il Nord e il Sud del paese. Se parlando di crescita economica, il Nord sembra prevalere, per quanto riguarda le scommesse online, le regioni più avanzate sono quelle del Sud Italia, prima tra tutte la Campania, con Sicilia e Calabria a seguire.

Se questo fenomeno ti incuriosisce e vuoi saperne di più, leggi tutte le informazioni sui casinò non aams presenti online.

Politiche economiche e interventi statali

Nel corso del tempo, diverse politiche e interventi statali come la riforma dell’imposta fondiaria, la Cassa per il Mezzogiorno, e più recentemente il PNRR, sono stati attuati per affrontare il divario economico tra Nord e Sud. Tuttavia, questi tentativi non hanno sempre portato ai risultati sperati, spesso a causa di una gestione inefficace​​​​​​​​.

Conclusione

In conclusione, l'articolo evidenzia con chiarezza il persistente divario economico e sociale tra il Nord e il Sud Italia. Nonostante gli sforzi e le politiche messe in atto, le divergenze rimangono significative e influenzano diversi aspetti della vita quotidiana, dall'occupazione alla povertà, dall'emigrazione dei giovani alla crescita del PIL. Il Sud Italia continua a confrontarsi con sfide maggiori, inclusa una più alta percentuale di povertà e un tasso di disoccupazione più elevato, in particolare tra i giovani e le donne. La situazione dei NEET e l'emigrazione dei giovani talenti dal Sud sono sintomi di una crisi più ampia che necessita di un'attenzione costante e di strategie mirate.

In contrasto, il Nord Italia si conferma come un motore economico vitale, con settori in rapida crescita e migliori opportunità di occupazione. Questo squilibrio non solo riflette una disparità economica, ma sottolinea anche la necessità di una visione strategica più equilibrata e inclusiva per il futuro economico del paese. Le politiche future dovrebbero mirare a un maggiore equilibrio regionale, promuovendo un sviluppo economico sostenibile in tutto il territorio nazionale, e affrontando le radici strutturali di questa divisione storica. Solo così l'Italia potrà aspirare a una crescita economica più uniforme e inclusiva, essenziale per la prosperità e la coesione sociale dell'intero paese.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore