/ Attualità

Attualità | 08 marzo 2024, 10:31

12 marzo: Giornata Nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari

I casi di aggressione e violenza ai danni del personale sanitario accertati a livello nazionale dall’Inail nel 2022 sono più di 1.600

12 marzo: Giornata Nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari

I casi di aggressione e violenza ai danni del personale sanitario accertati a livello nazionale dall’Inail nel 2022 sono più di 1.600, in aumento sia rispetto al 2021, sia rispetto al 2020, quando l’accesso alle strutture ospedaliere e assistenziali è stato fortemente limitato, a causa dell’emergenza Covid-19.

L’Istituto traccia un quadro allarmante: escludendo gli infortuni da Covid-19, che hanno colpito gli operatori sanitari più di qualsiasi altra categoria di lavoratori, circa il 10% degli infortuni occorsi a chi lavora in corsia e riconosciuti positivamente dall’Istituto è riconducibile a un’aggressione, mentre nell’intera gestione assicurativa Industria e servizi la stessa quota si ferma al 3%. In massima parte si tratta di violenze perpetrate da persone esterne all’impresa sanitaria, come i pazienti e i loro parenti. Nel quinquennio 2018-2022, il 37% dei casi è concentrato nell’Assistenza sanitaria (ospedali, case di cura, studi medici), il 33% nei Servizi di assistenza sociale residenziale (case di riposo, strutture di assistenza infermieristica, centri di accoglienza) e il 30% nell’Assistenza sociale non residenziale. A essere aggredite sono soprattutto le donne, pari a oltre il 70% degli infortunati, in linea con la composizione per genere degli occupati nel settore rilevata dall’Istat. Tra le professioni più colpite, i tecnici della salute (infermieri, fisioterapisti, ecc.) con un terzo degli aggrediti, seguiti dagli operatori socio-sanitari con circa il 30% e da quelli socio-assistenziali con oltre il 16%, mentre i medici incidono per quasi il 3%.

Nella Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari, ATS Pavia, ASST Pavia e Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo ribadiscono con forza l’importanza del rispetto nei confronti del personale sanitario e sociosanitario, che opera tutti i giorni per la nostra salute. Aggredirlo verbalmente e fisicamente è un reato, e un atto di inciviltà, che va contro l’interesse di ognuno di noi, e dell’intera collettività.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore