/ Lifestyle

Lifestyle | 27 maggio 2024, 19:49

Mixa alla consolle per 244 ore 2 minuti e 16 secondi ed entra nel Guinnes World Record

Il primato mondiale di dj Faber, piemontese di Saluzzo, è stato certificato dal giudice ufficiale del Guinness World Record dopo 10 giornate e nottate passate alla consolle, suonando instancabilmente

Mixa alla consolle per 244 ore 2 minuti e 16 secondi ed entra nel Guinnes World Record

Lorenzo Veltrigiudice ufficiale di Guinness World Record per tutta la giornata di domenica 26 maggio ha esaminato i documenti e i video e, alle 23, ha consegnato la certificazione del primato a Fabrizio Morero, piemontese di Saluzzo di 59 anni, per aver eseguito la più lunga maratona di mixaggio alla consolle al mondo: 244 ore, 2 minuti e 16 secondi!

Ad applaudire, la folla delle grandi occasioni, il pubblico che ha seguito Faber in queste 10 giornate e nottate alla consolle, in cui il dj ha suonato instancabilmente, fermandosi solo 2 ore al giorno per dormire e per le sue necessità.

Lorenzo Veltri è arrivato a Saluzzo verso le 18 del 25 maggio, ma per chiudere il cronometro della sfida ha dovuto attendere la decisione di Faber Moreira, giunta all’1 di domenica 26 maggio, 4 ore dopo l’obiettivo che il dj aveva dichiarato di voler raggiungere.

Arrivato alle 240 ore, infatti, il Moreira aveva deciso di andare avanti, carico dell’adrenalina trasmessa dal pubblico entusiasta.

E se l’urlo del popolo della notte è stato elettrizzante appena stoppato il cronometro, il tributo di fronte alla consegna della certificazione è stato incredibile: desiderato, sperato e oggettivamente difficile da raggiungere, il record di maratona dj alla consolle è un risultato epico, che inserisce di diritto Moreira nella storia della musica oltre che nel libro dei record.

L’ITER DI CERTIFICAZIONE

Già giudice nazionale di ginnastica artistica, nel 2009 Lorenzo Veltri ha seguito uno specifico corso a Londra ed è diventato il giudice ufficiale del Guinness World Record per l’Italia; ogni anno certifica circa 20 record, che in Italia sono, per la maggior parte, gastronomici.

A Saluzzo, ottemperando al regolamento del Guinness per i primati di lunga durata, Veltri ha passato la giornata di domenica a controllare materiali, video e documenti, per verificare che fossero rispettati tutti i parametri previsti.

Il Guinness World Record è un libro edito annualmente dal 27 agosto 1955, che raccoglie tutti i primati del mondo, da quelli naturali a quelli umani, a quelli più originali. Chi entra nel Guinness non ottiene denaro, ma solo un certificato che attesta la sua prestazione e, naturalmente, una ampia visibilità mediatica, perché i primati sono tali a livello mondiale.

Veltri precisa: «Le persone che tentano di battere un record sono spinte dalla determinazione e dal desiderio di andare oltre i propri limiti. Si impegnano, specialmente per quelli che riguardano una propria performance, in modo incredibile, generando esempi positivi. In Italia abbiamo spesso record gastronomici, ad esempio l’arancino più grande, ma anche primati curiosi, come l’atleta che, ingoiando una spada e tenendo l’elsa tra i denti, è riuscito a fare il maggior numero di flick all’indietro. E ora anche la più lunga maratona dj alla consolle: il primato di Faber Moreira».

LA CERIMONIA

Il giovane dj di Pinerolo classe 1998, Michael Laggiard in arte Michael Dera, che ha vinto il contest per dj emergenti, ha atteso Moreira in consolle per l’esibizione di apertura.

Il pubblico assiepato in sala ha aspettato l’arrivo del giudice fino alle 23, per salutare con un boato il suo ingresso sul palco e con un fragore ancora più intenso la consegna della targa a  Faber Moreira, che ha esultato con tutta la forza che aveva in corpo.

Tra il pubblico, ad applaudire, giovani, anziani, famiglie con bambini, cinquantenni che hanno visto Moreira muovere i primi passi da dj e ora hanno applaudito il suo momento di gloria. Ed anche  colleghi dj, ballerini, vocalist, musicisti, giovani dj emergenti, il compositore Enrico Sabena, autore di quella Start the music, stop the war che, remixata da Moreira, è stata fil rouge della maratona e suo brano conclusivo. 

E, naturalmente anche sponsor e sostenitori, come Redbull che ha dichiarato: «Al WRA Festival, l'uomo da record Faber Moreira è riuscito in un'impresa che sembrava impossibile, suonando per oltre 240 ore e battendo ogni altro record precedente. Red Bull è orgogliosa di aver contribuito al successo di questo evento straordinario». E Bra Servizi, il cui fondatore, il cavaliere di Gran Croce Giuseppe Piumatti, ha affermato: «244 ore è un risultato straordinario, dietro il quale c'è stato un impegno organizzativo incredibile di Faber e di tutta la sua squadra. Complimenti! Sono felice di averlo supportato e, se si lancerà in altre imprese, continuerò a sostenerlo».

LA DICHIARAZIONE DI FABER MOREIRA

«Mi sono preparato a questa maratona da oltre 18 mesi, ho vissuto alla consolle nel Pala CRS per 10 giorni, superando ore difficili, in cui il corpo chiedeva di fermarsi e solo la determinazione e il potere della musica mi hanno fatto procedere. L’emozione oggi è alle stelle e ancora non ci credo di essere entrato nel libro dei record, ma è successo e sono felice sia avvenuto a Saluzzo, la mia città natale, circondato dal calore della sua gente e supportato da una squadra straordinaria, da sponsor e sostenitori che ringrazio di cuore. Con questi 10 giorni di musica no stop, aperti a tutti volevo far scoprire l’energia di Saluzzo e mostrare quanto la musica possa unire, far sprigionare buone energie, senza bisogno di sballi, e farci bene al corpo, all’anima, alla vita. Volevo, soprattutto, lanciare un messaggio in cui credo profondamente: Start the music, stop the war! ».

IL RECORD PRECEDENTE

Il primato esistente, detenuto fin dal 2014 dal dj polacco Norberto Loco, che aveva resistito per 200 ore al Temple Bar di Dublino, è crollato alle 5 di venerdì 24 maggio: il dj saluzzese – 59 anni all’anagrafe, la determinazione di un attivista, la concentrazione di un guru e l’energia di un adolescente – è andato oltre. Dopo un altro giorno e mezzo di musica no stop - con la facoltà di fermarsi 5 minuti ogni ora o di accumulare le pause -  Faber Moreira ha superato anche il limite delle 240 ore che era il suo obiettivo iniziale ed è arrivato a 244 ore, 2 minuti e 16 secondi, battendo ogni scommessa possibile.

LA PREMIAZIONE DEI “BALLERINI DA RECORD”

In apertura di serata,  la cerimonia di premiazione dei ballerini che hanno accompagnato Faber con le loro esibizioni. Il premio per il gruppo più numeroso è stato ottenuto dal team Open-Cooperativa sociale Insieme di Alba-Santo Stefano Belbo, che ha portato sotto il palco di Moreira ben 57 ballerini. Il premio per le coreografie più belle è stato vinto dal Centro Diurno Le Nuvole di Saluzzo. Si sono distinti per i costumi più originali, il gruppo Sbandieratori e Musici Borgo San Martino di Saluzzo. Il premio per il maggior numero di ore ballate è andato a Rocio Ajan, mentre, per la categoria ore notturne, è stato premiato Renzo Martino.

IL CONTEST PER DJ EMERGENTI

Per partecipare sono arrivate decine di candidature da tutta Italia, tra le quali sono state selezionati 10 dj emergenti. Dopo le eliminatorie sono rimasti in sei e, dopo la semifinale, nel primo pomeriggio del 25 maggio, sono stati selezionati due artisti per la finale nella beach area. La giuria, composta da tre dj professionisti, sempre diversi nelle varie fasi del contest,  ha assegnato il primo posto a Michael Laggard aka Michael Dera, di Pinerolo, classe 1998, sta lavorando in alcuni locali del pinerolese e sulle produzioni. Al secondo posto è arrivato Matteo De Paola, in arte Depo, del 1997 di Carmagnola.

CURIOSITÀ

  • Pubblico: nell’area di WRA Festival (interno ed esterno) dal 15 al 25 maggio sono entrate a ballare più di 25 mila persone
  • Musica: Faber ha iniziato la sua prova con su Big love di Peter Heller e terminato, dopo 244 ore 2 minuti e 16 secondi con Start the music stop the war di Enrico Sabena – Faber Moreira remix. Durante i 10 giorni e le 10 notti dell’impresa ha usato oltre 6.000 dischi per un peso complessivo di 1 tonnellata e mezza, quanto 1 tricheco, 23 persone di corporatura media oppure una mamma giraffa e il suo cucciolo
  • Preparazione fisica: per 18 mesi allenamenti da 2 ore al giorno, con qualsiasi tempo, alternando corsa, nuoto, yoga e palestra; niente alcolici e caffeina e bevande energetiche; dieta scrupolosa, rigido e costante controllo medico durante la prova.
  • Staff: un centinaio di persone hanno partecipato all’organizzazione e affiancato Faber Moreira in questi giorni del WRA Festival: testimoni, addetti al palco e alla sicurezza, tecnici del suono, luci e regia, addetti all’accoglienza, lo staff della comunicazione, a cui si deve poi aggiungere il personale dei ristoranti e bar.

Sul sito www.wrafestival.it è possibile scoprire curiosità sul Festival e la biografia completa di Fabrizio Morero, in arte Faber Moreira.

NOTE BIOGRAFICHE

Fabrizio Morero, saluzzese, 59 anni, a 13 anni scopre la passione per la musica. È in un negozio, compra il primo disco. È Contact di Edwin Starr. A questo primo se ne sono aggiunti altri, tanti altri e oggi la sua collezione supera i seimila vinili. Fabrizio prende il nome d’arte di Faber Moreira quando, attorno ai 20 anni, inizia la sua vita dietro alla consolle. Come Faber si è esibito nei migliori locali di tutta Italia, Ibiza e Sharm el Sheik, ha collaborato con Radio Monte Carlo, Radio Party Groove e Radio Number One, è stato direttore artistico di diverse manifestazioni e ha pubblicato numerose tracce con etichette canadesi e tedesche.

Da Targatocn.it

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore