/ Attualità

Attualità | 03 luglio 2024, 13:21

Prima vince due medaglie ai Mondiali, poi torna ad aiutare la sua Macugnaga

È la bella storia del diciannovenne Peter Bettoli: sale sul podio nello skyrunning in Montenegro, quindi rientra casa e si mette a disposizione della comunità colpita dall'alluvione

Peter Bettoli, bronzo ai Mondiali di Skyrunning, è il terzo a destra

Peter Bettoli, bronzo ai Mondiali di Skyrunning, è il terzo a destra

Conquista due medaglie di bronzo ai Mondiali giovanili di Skyrunning in Montenegro, poi torna a casa e si rimbocca le maniche per aiutare i suoi compaesani che stanno vivendo giorni difficili, dopo che Macugnaga è stata stravolta dallo straripamento di alcuni rii che hanno causato gravi danni in paese.

Una bella ‘’favola’’ quella di Peter Bettoli, diciannovenne di Macugnaga: prima ha mostrato le sue capacità sportive e poi ha sfoderato quelle umane per aiutare la sua comunità.

Bettoli, dal 28 al 30 giugno, era a Bar in Montenegro per i Campionati del Mondo giovanili di Skyrunning. Qui il giovane atleta di Macugnaga, che gareggia per Sport Project Vco, è stato uno dei protagonisti, conquistando due medaglie di bronzo.

Bettoli, che gareggia sotto la guida del tecnico della Federazione Italiana di Skyrunning, Roberto Mattioli, ed è allenato dall’ossolano Davide Barone, ha conquistato prima un ottimo quarto posto nella gara Vertical (1.000 metri  di dislivello con partenza dal mare e arrivo in quota dopo 5,5 km percorsi) e poi si è aggiudicato due bronzi: il primo nella gara di lunga distanza Skyrace di 21 km dietro al tedesco Ehrle e allo spagnolo Palacios e la seconda nella combinata che sommava i punteggi di Vertical e Sky.

In Montenegro l’talia ha conquistato il sesto posto tra le 28 Nazioni in gara.

Un bel risultato per l’atleta sci alpinista che veste i colori dello Sci Club Valle Anzasca, guidato dal tecnico Aldo De Gaudenzi.

Peter Bettoli, però, non si è rilassato godendosi le medaglie e appena tornato a casa, come tutti i giovani del paese, si è messo a disposizione della comunità aiutando chiunque avesse bisogno per pulire e sistemare i danni causati dall’alluvione. Un bel gesto, da sportivo vero.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore